Economia Lead magnet

Offerte in cambio di dati: la tecnica dei lead magnet

Tra le tecniche di marketing per generare nuovi clienti, c’è quella dell’ottenere dati personali a fronte di un qualche vantaggio

https://immagini.ragusanews.com//immagini_articoli/10-08-2022/offerte-in-cambio-di-dati-la-tecnica-dei-lead-magnet-500.jpg Offerte in cambio di dati: la tecnica dei lead magnet

 Il marketing digitale innovativo ha la finalità di accompagnare l’impresa nel suo percorso di acquisizione e fidelizzazione dei clienti, in una collaborazione tra il team creativo e quello del comparto vendite che sappia ottimizzare il budget aziendale allo scopo ultimo di incrementare il fatturato.

Si tratta di un processo che non si può concretizzare nell’immediato e che talvolta ha bisogno di un investimento sul medio o lungo periodo, e dunque di uno sforzo economico iniziale dell’impresa, commisurato alle capacità di spesa, salvo poi generare il proprio ritorno.

In questo contesto si inserisce uno dei cardini del marketing incentrato sulla persuasione, ovvero il “lead magnet”. In poche parole, si tratta di un beneficio promesso al potenziale cliente - che, come si vedrà, può assumere varie forme - il quale però, in cambio, deve lasciare un proprio recapito, oppure compilare una form contenente i dati personali, per essere contattato in futuro oppure semplicemente per poter ricevere sconti e offerte personalizzate.                                     In realtà questa tecnica è molto utile alle aziende per creare un database di potenziali acquirenti e per conoscerne, oltre ai recapiti principali, anche le abitudini di acquisto e consumo. Tali dati, intrecciati con i trend statistici, rappresentano una risorsa preziosa per un’impresa dinamica e attenta alle tendenze del mercato.

Gli utenti digitali, però, non sono sempre propensi a lasciare i propri dati personali, ed è qui che entrano in gioco i tipi di vantaggio proposti nell’ambito del lead marketing, i quali di fondo rappresentano una sorta di primo scambio tra azienda e cliente in potenza.

A seconda del settore, esistono diversi tipi di “lead” (letteralmente pista, traccia.).

https://immagini.ragusanews.com//immagini_banner/1663940287-3-despar.gif

Nel caso del commercio di beni e prodotti fisici, gli sconti sul primo acquisto o le spese di spedizione gratuite sono già una promessa allettante per i visitatori del sito, e vanno per la maggiore nei comparti ad alto tasso di fidelizzazione, come la cosmetica, l’abbigliamento, alcuni segmenti del food. In questo caso si utilizza anche l’invio di piccoli assaggi del prodotto, ovvero i campioni omaggio o tester di prova.

Proprio a proposito di prove gratuite, questo tipo di lead è quello su cui si basa la strategia dei maggiori operatori di intrattenimento online. Soltanto dietro registrazione - e inserimento dei dati, dunque - è infatti possibile usufruire di un periodo gratis di prova di una piattaforma in streaming, così come accedere a quelli che sono, nel campo del gioco a distanza, i casino bonus senza deposito, ovvero i crediti free che si riscattano senza l’apertura di un conto, per poter giocare sui siti legali.

https://immagini.ragusanews.com//immagini_banner/1663940287-3-despar.gif

Anche se sceglie di testare un videogame senza spendere, ed effettuare il download della cosiddetta “versione prova” del titolo dai siti specializzati, l’utente deve lasciare i propri dati, così come le aziende produttrici di software per desktop - dalla grafica alla fotografia - richiedono una registrazione per poter rilasciare una “free trial” (una prova gratis) o una versione demo, ovvero dimostrativa e non completa, ma utile ad orientarsi nella scelta.

Lo stesso principio è quello che applicano gli insegnanti a distanza, che spesso propongono un assaggio del proprio video-corso o video-tutorial professionale a fronte di una registrazione, o magari una lezione di prova gratis. Funzionano molto bene, in questo senso, anche webinar, dirette live e video su YouTube, con invito ad iscriversi al canale.

Visto infine che l’esperienza di acquisto è anche un piacere, oggi quella che si chiama “gamification” ha introdotto le tecniche tipiche del gioco nel marketing. Un esempio, a questo proposito, potrebbe essere quello di inventare piccoli quiz da compilare, tramite i quali invitare gli utenti a lasciare i propri dati personali, ricompensandoli magari con un omaggio o un gadget aziendale.


© Riproduzione riservata