Attualità Cambio d'ora

Ora solare 2019: quando spostare le lancette dell'orologio indietro

Il passaggio nella notte tra sabato 26 e domenica 27 ottobre 2019

Con l’arrivo dell'inverno torna l’ora solare. Ma quando bisogna spostare le lancette dell’orologio? 

Il passaggio dall’ora legale a quella solare avverrà nella notte tra sabato 26 e domenica 27 ottobre 2019. Le lancette andranno spostate indietro di un’ora alle 3 del mattino, per tornare alle 2. La conseguenza sarà quella di avere giornate all'apparenza "più corte"; si avranno quindi più ore di luce al mattino mentre farà buio prima la sera. Molti orologi -quelli su telefoni, smartphone, computer o tablet- dovrebbero svolgere l'operazione autonomamente. Ma è bene accertarsi di aver aggiornato anche sveglie e orologi da polso e a parete. 

Nella notte del passaggio all’ora solare si si dormirà un’ora in più, ed è la buona notizia. La realtà però è che, come ad ogni cambio di ora, in tanti saranno alle prese per qualche giorno con sbalzi di umore e problemi di insonnia. Nella maggior parte dei casi si tratta di piccoli fastidi, ma è pur vero che stando a molti sondaggi effettuati tra la popolazione la maggior parte degli italiani farebbe a meno di cambiare l’orario due volte l’anno.

Cambio dell'ora addio? Ogni Paese potrà decidere cosa fare
Come molti sapranno l’abitudine di spostare avanti e indietro le lancette è destinata comunque ad essere superata in seguito alla decisione del Parlamento europeo di abolire il cambio tra ora legale e ora solare. Il nuovo regime entrerà in vigore nel 2021 ma spetterà agli Stati membri decidere se rimanere con l’ora solare oppure optare per quella legale (il Parlamento italiano deve ancora esprimersi).

Cambio dell'ora: vantaggi e svantaggi
L’ora legale introdotta nel 1966 permette di avere un’ora in più di luce alla sera nei mesi caldi: ciò si traduce in un risparmio dello 0,2% sul consumo di energia elettrica. Se l’ora legale restasse in vigore tutto l’anno però avremmo però albe molto buie e meno ore di luce alla mattina. Di contro a qualcuno le giornate potrebbero sembrare più lunghe. Questione di punti di vista. E anche di abitudini.