Benessere Tornare in linea

Dieta per l'estate: quando iniziarla?

Come smaltire gli abusi alimentari dell'inverno

In questo periodo sono in molti a iniziare una dieta per tornare in forma per l'estate. In realtà per mantenersi in forma bisognerebbe seguire una dieta sana e corretta per tutto l'anno e non provare a correre ai ripari all'ultimo momento. Pertanto una vera e propria dieta dell'estate non esiste. Vero è che in questa stagione tendiamo a mangiare un po' di meno e a prediligere alimenti più freschi che possano mantenerci idratati come frutta e verdura che ci aiutano a perdere qualche chilo.
In linea di massima se dobbiamo perdere 5 o 6 chili in vista dell'estate sarebbe bene iniziare una dieta almeno due mesi prima. Tuttavia va anche tenuto conto dell'aspetto motivazionale, perché un percorso dietetico va intrapreso solo quando ci sentiamo realmente pronti per iniziarlo. Pertanto senza la giusta motivazione e perseveranza diventa del tutto inutile iniziare qualsiasi tipo di dieta.

Qual è la dieta migliore da seguire per l'estate?
D'estate si tende a passare più tempo all'aria aperta e non mancano certo le occasioni di svago rispetto al periodo invernale, per cui si mangia molto più spesso fuori casa e quindi aumenta anche il rischio di mettere su qualche chilo di troppo.
Per dimagrire, indipendentemente dal regime dietetico seguito, bisogna assumere meno calorie rispetto a quelle che consumiamo nelle 24 ore. In sostanza dobbiamo bruciare più calorie di quelle che introduciamo con gli alimenti. Pertanto il bilancio calorico deve essere negativo. Il dietologo che ci segue stimerà quindi il nostro fabbisogno calorico stilando un piano alimentare con l'indicazione degli alimenti che possano fare al caso nostro.
Durante la stagione estiva è da preferire il consumo di alimenti a bassa densità calorica, ad esempio frutta e verdura che aumentano il senso di sazietà e ci apportano poche calorie. In particolare i vegetali freschi ci forniscono nutrienti essenziali per la salute quali vitamine, acqua, sali minerali e fibre. Vanno limitati invece gli alimenti ricchi di carboidrati. Pertanto questi sono gli alimenti da privilegiare per la dieta in estate: verdure, frutta, pesce, carne, uova, legumi, latticini magri. Come condimento è da preferirsi l'olio extra vergine di oliva.

Vi sono poi dei consigli di carattere generale che possono venirci in aiuto. D'estate è vero che la routine viene scombussolata, tuttavia dovremmo sforzarci di mantenere certe abitudini alimentari. Ad esempio non saltare i pasti principali, ovvero colazione pranzo e cena. Oltre a ciò è necessario che soddisfino le nostre esigenze nutrizionali, solo così possiamo evitare la tentazione di spuntini fuori pasto, ad esempio cibi calorici quali panini pizzette o contenenti zuccheri quali i gelati. Un'altra cosa importante è riuscire anche a mangiare ad orari regolari che non si discostino molto quindi da quelli che seguiamo quando siamo a casa, non bisogna quindi ritardare eccessivamente i pasti. Un altro aspetto importante riguarda il ritmo circadiano sonno veglia. D'estate il cambio degli orari influenza anche l'attività degi ormoni che hanno un ruolo nel controllo del sonno e della veglia, e di conseguenza anche sugli stimoli di fame e sazietà. Sarebbe quindi opportuno cercare di mantenere orari regolari per non sfasare il ritmo circadiano. In questo modo eviteremo tentazioni alimentari fuori orario.
Per massimizzare i risultati che possiamo ottenere con la dieta sarebbe opportuno associarvi l'attività fisica, una corsa o anche una passeggiata di mezz'ora a passo spedito vanno bene, perché in questo modo preserviamo il tono muscolare.


© Riproduzione riservata