Attualità Diario alimentare

Caro diario ti racconto cosa mangio così dimagrisco un po'

L'importanza di monitorare la propria alimentazione

Spaghetti pollo insalatina e una tazzina di caffè, così cantava in una delle sue canzoni Fred Bongusto. In effetti di un pranzo di questo tipo potremmo prendere nota sul nostro diario alimentare. Tenere un diario in cui annotiamo ciò che mangiamo a colazione pranzo e cena può aiutarci ad evincere una visione d'insieme sulla nostra dieta. Conoscere per filo e per segno ciò che mangiamo quotidianamente può anche metterci sull'avviso se consumiamo più calorie di quelle necessarie, informazione assolutamente pertinente se siamo a dieta. Difatti se stiamo seguendo una dieta dimagrante l'annotazione puntuale degli alimenti consumati ogni giorno può evitare di mangiare gli alimenti che ci farebbero vanificare i sacrifici fatti nei giorni precedenti. Se vogliamo dimagrire, conoscere con esattezza cosa mangiamo giorno per giorno ci può quindi essere di grande aiuto. Sulla pagina bianca dobbiamo essere di una sincerità impietosa in modo da individuare più facilmente la strategia dietetica giusta. Lo stesso discorso vale se invece dobbiamo mettere su peso, perché anche in questo caso il diario ci permetterà di conoscere l'apporto calorico necessario. A seconda delle preferenze può essere su carta secondo la modalità classica oppure digitale, la scelta è in funzione unicamente di ciò che ci è più comodo. Il diario alimentare non ci pone però nelle vesti di un notaio che redige formalmente un atto, in quanto chiama in causa bisogni profondi legati alla nostra persona che si esprimono col rapporto col cibo. In questo senso è importante annotare non solo cosa si mangia e quando, ma anche dare rilievo al fattore emozionale. Non è un caso che si parli di emotional eating.

Di seguito schematizziamo i vantaggi che ci derivano dal tenere un diario alimentare. In particolare andiamo a considerare quali sono le informazioni necessarie in un diario di questo tipo.
1) Col diaro alimentare possiamo prestare più attenzione a quello che mangiamo. In particolare possiamo conoscere quante calorie assumiamo e quindi sviluppiamo anche una maggiore consapevolezza circa le nostre abitudini alimentari.
2) Andiamo a segnare subito quello che abbiamo mangiato dopo ogni pasto in modo da non tralasciare nulla. In particolare è fondamentale tenere conto delle informazioni relative alla quantità, qualità e agli orari dei pasti. E' importante anche curare i dettagli e quindi segnare il tipo di pasta, la qualità della carne o formaggio che abbiamo mangiato e relativi condimenti. Come se ci dovessimo immedesimare nei panni di un detective, può risultare utile appuntare anche dove ci trovavamo e in compagnia di chi.
3) Esseri sinceri con se stessi è fondamentale. In caso contrario non avrebbe senso tenere un diario perché ci prenderemmo in giro. Se vogliamo cambiare il nostro stile alimentare dobbiamo sapere su cosa intervenire. Pertanto con spassionata sincerità le volte che ci concediamo uno strappo alla dieta scriviamolo senza reticenza alcuna.
4) Col diario alimentare possiamo conoscere i progressi fatti. In particolare con queste cronache alimentari aumentano le nostre informazioni sulle abitudini alimentari e quindi abbiamo più dati per poterle correggere.
5) Raccontiamo cosa proviamo. Anche le emozioni giocano un ruolo importante. I pasti infatti non soddisfano soltanto una necessità nutrizionale, in quanto vi si correlano anche le emozioni e gli stati d'animo. Quando siamo giù di tono, ad esempio malinconici, tristi e stanchi, può accadere di surrrogare nel cibo i desideri inappagati e le attese deluse. Tornano utii anche informazioni di questo tipo: ci siamo sentiti sazi o ci siamo alzati da tavola insoddisfatti? Abbiamo mangiato con appetito? Con senso di colpa o in totale relax? Anche queste sono informazioni che aiutano il nutrizionista a impostare la dieta più adatta al caso nostro. Con le cronache alimentari possiamo prenderne coscienza e quindi dare ulteriore motivi di valutazione al dietologo.
6) La precisione è importante. Se stiamo seguendo una dieta dimagrante dovremmo tenere a registro la nostra alimentazione almeno 3 volte a settimana. Hanno rilevanza l'ordine con cui sono stati assunti gli alimenti, le modalità di cottura, i condimenti e naturalmente le quantità. Da annotare anche l'ora e il contesto.


© Riproduzione riservata