Attualità Sicurezza informatica

+169% di attacchi hacker nel 2022: serve un nuovo approccio di difesa

Sicilia, molte imprese anti-hacker ma pochissimi addetti

https://www.ragusanews.com/immagini_articoli/29-03-2023/169-di-attacchi-hacker-nel-2022-serve-un-nuovo-approccio-di-difesa-500.jpg +169% di attacchi hacker nel 2022: serve un nuovo approccio di difesa


Un attacco informatico consiste in un insieme di azioni malevoli che hanno come obiettivo quello di destabilizzare, danneggiare e corrompere le infrastrutture tecnologiche quali siti, server e componenti elettronici. 

In Italia negli ultimi anni la frequenza di attacchi informatici è cresciuta vertiginosamente, arrivando a registrare un aumento del +169% solo nell’ultimo anno. 

Secondo il Rapporto Clusit, infatti, nel 2022 sono stati 188 i cyber attacchi che hanno colpito i sistemi italiani, che sono diventati così uno degli obiettivi preferiti dai cybercriminali di tutto il mondo.  

Come proteggere i propri dati

Come emerge dal rapporto dell’Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica, il 7,6% dei cyber attacchi di tutto il mondo avviene in Italia. Per questo motivo è necessario aumentare le difese non solo a livello aziendale, ma anche nella propria vita privata, adottando alcuni accorgimenti utili per la protezione dei dati personali.

https://www.ragusanews.com/immagini_banner/1706632862-3-bruno.png

La prima cosa da fare per difendere i propri dispositivi è installare un antivirus e mantenerlo aggiornato con le versioni più recenti. In secondo luogo, è buona pratica non scaricare contenuti da siti poco affidabili e avvalersi di strumenti di monitoraggio come firewall, che analizzano la rete in cerca di connessioni sospette.

Evitare di utilizzare reti Wi-Fi pubbliche è un altro importante accorgimento. Queste ultime, infatti, sono spesso prese di mira dai cybercriminali, che introducendosi all’interno riescono così a raggiungere i dispositivi collegati, soprattutto se sprovvisti di password robuste.

https://www.ragusanews.com/immagini_banner/1673517429-3-giap.png

Per questo motivo è necessario utilizzare password efficaci, creabili attraverso un apposito generatore di password, ossia uno strumento, come spiegato su punto-informatico.it, in grado di combinare in maniera del tutto casuale caratteri numerici e alfabetici, includendo anche caratteri speciali. Dunque molto utile per creare password sicure.

Sicilia, molte imprese anti-hacker ma pochissimi addetti

Tornando alla cybersecurity, dati particolari arrivano dalla Sicilia, dove nonostante ci sia una maggiore richiesta e sia prevista una retribuzione superiore alla media nazionale, scarseggiano gli esperti in sicurezza informatica.

Infatti, sebbene la Sicilia sia al quarto posto della classifica delle regioni con più imprese anti-hacker presenti sul territorio, il numero degli addetti non è minimamente sufficiente. Un dato preoccupante, se si pensa che per ogni società sono presenti in media solo cinque unità adibite alla sicurezza informatica, contro le 339 del Trentino Alto Adige o le 21 della Lombardia.

Secondo lo studio di Fortinet, infatti, in Sicilia mancherebbero circa 4700 tecnici addetti alla sicurezza informatica. Un numero troppo grande, che mette a rischio la sicurezza di una regione intera e che dimostra ancora una volta la necessità di un approccio diverso alla cybersecurity.


© Riproduzione riservata