Economia Il business del Covid

Sicilia, i no vax arricchiscono le case farmaceutiche: 500mila € al giorno

Il prezzo della libertà: chi non può permetterselo lo fa pagare alle casse dello Stato

https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/20-10-2021/sicilia-i-no-vax-arricchiscono-le-case-farmaceutiche-500mila-al-giorno-500.jpg Sicilia, i no vax arricchiscono le case farmaceutiche: 500mila € al giorno

 Ragusa - Mezzo milione di euro al giorno per i tamponi rapidi, negli ultimi quattro giorni in Sicilia se ne fanno 170 al minuto: è il prezzo che da venerdì i circa 300mila lavoratori siciliani no vax sono disposti a pagare a farmacie, laboratori e rivenditori (che acquistano i kit a 2 euro per rivenderli a 15 euro) pur di non vaccinarsi contro il Covid, che li spaventa meno del siero. Chi non può permetterselo, o è stato costretto andato a vaccinarsi o ha preso tempo mettendosi in malattia.

Secondo i dati Inps, nel primo lunedì con obbligo del green pass al lavoro le assenze per malattia sono state 12mila, equamente distribuite tra pubblico e privato: quasi il 30% in più di venerdì, ma l’escamotage non potrà durare a lungo. Proprio oggi sono stati denunciati 4 medici catanesi complici della truffa all’erario. Dei 16 milioni di euro sborsati da Palazzo d’Orleans per distribuire i test a strutture e operatori pubblici, le fette più grosse se le sono aggiudicate il colosso inglese Abbott, la genovese Medical System e la svizzera Roche.

Ma sono ormai decine le aziende che li producono e a cui si stanno rivolgendo i privati, che devono invece approvvigionarsi da sé. Per abbattere i costi, la maggioranza s’affida a intermediari , in particolare la cinese Big Pharma. La spesa per il singolo lavoratore non immunizzato può arrivare fino a 180 euro al mese contando le 48 ore di intervallo tra un tampone e l’altro. Attualmente il giro d'affari sull’Isola sfiora il mezzo milione di euro al giorno. 


© Riproduzione riservata