I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Cookie Policy   -   OK

Notizie della provincia di Ragusa e di Sicilia: Ragusa, Vittoria, Modica, Comiso, Scicli, Pozzallo, Ispica

Ragusanews.com, notizie della provincia di Ragusa e di Sicilia: Ragusa, Vittoria, Modica, Comiso, Scicli, Pozzallo, Ispica

Domenica 04 Dicembre 2016 - Aggiornato 04/12/2016 13:13 - Online: 372 - Visite: 41171867

 

28/09/2016 13:11

Notizia letta: 3621 volte

Coltivare una piantina di marijuana sul balcone? Non è reato

Può stare fra i gerani

Coltivare una piantina di marijuana sul balcone? Non è reato
 
 

Siracusa – Coltivare una singola piantina di marijuana sul proprio balcone non è reato. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, sesta sezione penale, nella sentenza 40030 pubblicata ieri.  Il caso era avvenuto a Siracusa, il 16 gennaio scorso: il tribunale aretuseo, aveva deciso il “non luogo a procedere” nei confronti di un uomo perché per il tribunale il principio attivo contenuto in una sola piantina di Cannabis poteva escludere la diffusione della droga leggera.  In pratica, era sufficiente solo per l’uso personale.

La decisione destò parecchie controversie e polemiche tanto che il Procuratore della Repubblica si era opposto per violazione della legge penale, in particolare degli articoli 425-428 del Codice di procedura penale.

Il Procuratore di Siracusa, infatti, contestava questa decisione sostenendo che l’uomo doveva essere sanzionato per diversi motivi: la quantità di principio attivo era sopra il minimo consentito dalla legge e la piantina pesava 312 mg contro il limite dei 25 mg previsto dalla legge. Inoltre, era già alta un metro, pur non essendo arrivata a completa maturazione.

 Ma non c’è stato nulla da fare: la Cassazione ha rigettato il ricorso perché una sola piantina, coltivata in un terrazzo e in un contesto urbano non sarebbe in grado di incrementare il mercato delle sostanze stupefacenti.

In uno stralcio della sentenza, riportato dal Sole 24 ore, si legge:  “… che da questa coltivazione possa derivare quell'aumento della disponibilità della sostanza e quel pericolo di ulteriore diffusione che sono gli estremi integrativi della offensività e punibilità della condotta ascritta”.

Irene Savasta

Commenta la news

Per poter commentare i post devi essere registrato al sito di Ragusanews.com
Se sei già nostro utente esegui il Login nel form sottostante oppure registrati ora se non sei ancora registrato.
Se non ricordi più le tue credenziali di accesso clicca su recupera password.

La redazione di Ragusanews.com non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Ragusanews.com comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

+