Sanità Proiezioni

Il Virus? durerà fino a luglio

Picco raggiunto

Roma - Meglio mettersi il cuore in pace: "Credo che fino a luglio avremo a che fare con il virus". A parlare è Roberto Bernabei, membro del Comitato tecnico scientifico dell'emergenza. Ciò non vuol dire chiusura totale di tutto fino all'estate. E' un problema di gradualità. 

Il comitato, ha spiegato Bernabei in conferenza stampa, sta lavorando per capire in quali fasi scandire una riapertura graduale. “Le età più colpite”, ha proseguito, “continuano ad essere quelle degli anziani. L’età media dei deceduti è di 79 anni; colpisce il fatto che siano al 70% uomini e al 30% donne”. “Le donne – ha osservato – sono più resistenti, sono più forti”. “Il coronavirus colpisce degli organismi che hanno delle fragilità: il 52% dei deceduti ha 3 patologie associate, il 25% ha 2 patologie associate, il 21% ha 1 patologia associata, il 2% ha nessuna patologia associata”. “Ci sono anche 23 deceduti sotto i 40 anni, 15 hanno patologie associate, patologie importanti”. Tra le patologie elencate cardiopatia ischemica, ipertensione, fibrillazione atriale, diabete, insufficienza renale: “Sono quelle più frequenti dopo un certa età” e il problema è quello di “gestirle bene e curarle con attenzione” per ridurre il rischio.


© Riproduzione riservata