Attualità Modica

Diretta Tv per i funerali di Antonio Borrometi

Camera ardente al Teatro Garibaldi da venerdì mattino, funerali sabato a San Pietro alle 15

https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/19-01-2022/diretta-tv-per-i-funerali-di-antonio-borrometi-500.jpg Diretta Tv per i funerali di Antonio Borrometi

Modica - Saranno trasmessi in diretta televisiva social e su una emittente televisiva locale i funerali dell'avvocato Antonio Borrometi, scomparso la scorsa notte a Bologna dopo lunga malattia. La scelta per consentire a quanti non possono partecipare in ragione della pandemia, di assistere comunque all'ultimo saluto al professionista e uomo politico modicano. 

La salma arriverà da Bologna venerdì mattina, e alle ore 11 di venerdì sarà aperta la camera ardente nel foyeur del Teatro Garibaldi di Modica. La camera ardente resterà aperta fino alle 21. Sabato sarà aperta dalle 8 alle 14. I funerali saranno nella chiesa di San Pietro sabato alle 15. 

L'Assemblea regionale siciliana, durante la seduta di oggi, ha osservato un minuto di silenzio in onore di Antonio Borrometi che, nella sua militanza politica, fu anche deputato regionale siciliano dal 1991 al 1996 e assessore regionale alla Sanità dal 1993 al 1995. 
Borrometi avrebbe compiuto 69 anni in maggio.
Modicano, aveva proseguito, insieme al fratello, Roberto, la carriera del padre, Pietro, uno dei più autorevoli avvocati del dopoguerra in Sicilia, nello storico studio legale di viale Medaglie d'oro, a Modica bassa.
Antonio Borrometi è stato parlamentare nazionale nella legislatura 1996-2001, quando partecipò all'esperienza dell'Ulivo. Fu candidato sindaco di Modica nel 2002.
Nel 1991 si era candidato all’Assemblea regionale Siciliana, dove fu eletto con 16.305 preferenze con la Democrazia Cristiana nel collegio di Ragusa. Fu capogruppo della DC a Palazzo dei Normanni. Dal 21 dicembre del 1993 fu assessore regionale alla Sanità, ruolo ricoperto fino al 16 maggio 1995. Entrò, quindi, nel Partito Popolare Italiano. Alle elezioni politiche del 21 aprile 1996 fu eletto deputato con l’Ulivo, come esponente del PPI: nella XIII Legislatura, alla Camera, fu segretario nella Giunta per le autorizzazioni a procedere e componente del Comitato parlamentare per i procedimenti d’accusa. Due anni dopo divenne anche Segretario della II Commissione permanente per la Giustizia di Montecitorio.
Nel 2001 fu fra i fondatori de La Margherita e nello stesso anno si ricandidò con l’Ulivo alle elezioni politiche alla Camera nel collegio uninominale di Modica, ottenendo il 37,5%, senza risultare, però, eletto. Nel 2009 fondò e ne divenne presidente l’associazione Popolari per la Sicilia. Persona dai modi sempre affabili e di una gentilezza d'altri tempi, era legato a Sampieri e al suo moletto dove affaccia la casa di famiglia. 


© Riproduzione riservata