Attualità PARIGI

Ex ministra francese indagata per gestione pandemia

Ex ministra francese indagata per gestione pandemia

PARIGI, 10 SET L'exministra della Salute francese, Agnès Buzyn, è stata iscritta nel registro degli indagati per "messa in pericolo della vita altrui" al termine di un'audizione da parte dei magistrati della Corte di Giustizia della Repubblica che sta attualmente indagando sulla gestione dell'epidemia da Covid19: è quanto annunciato dalla procura generale.
    Nominata nel 2017 al ministero della Salute, poi dimessasi per candidarsi con la République En Marche alle elezioni municipali di Parigi, Buzyn è stata iscritta nel registro degli indagati per "messa in pericolo della vita altrui", quando era alla guida del ministero della Salute, fino a febbraio 2020. A quei tempi, in piena crisi da Covid19, Buzyn lasciò il dicastero per sostituire l'allora candidato sindaco macronista, Benjamin Griveaux, travolto a sua volta dalla vicenda dei video hot.
    L'inizio di una lunga via crucis. Al termine di una campagna municipale finita malissimo (non venne neanche eletta come consigliera al Consiglio di Parigi), l'ex ministra cinquattottenne lascia la politica, tra amarezza, veleni e polemiche. Si ritira dalla vita pubblica tornando ad indossare il camice bianco all'ospedale PercydiClamart poi, dal gennaio scorso, viene chiamata all'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) di Ginevra, incaricata delle questioni multilaterali. Da indagata, dovrà adesso difendersi dinanzi alla Corte di Giustizia della Repubblica che in Francia è incaricata di giudicare componenti o ex componenti del governo per le accuse di cattiva gestione della pandemia nei primi mesi della crisi sanitaria. (ANSA).
   


© Riproduzione riservata