Giudiziaria Catania

Frode milionaria a Catania, coinvolti tre modicani, due sono donne

Frode milionaria, 33 indagati e 16 misure cautelari a Catania: tutti i nomi

https://www.ragusanews.com/immagini_articoli/30-05-2024/frode-milinaria-a-catania-coinvolte-due-ragusane-e-un-modicano-500.jpg Frode milionaria a Catania, coinvolti tre modicani, due sono donne


Ragusa - Nel corso dell’operazione della Guardia di finanza di Catania denominata Alto Livello e finalizzata al contrasto della somministrazione fraudolenta di manodopera, delle frodi fiscali e del riciclaggio dei proventi illeciti risultato indagate 33 persone, per 16 delle quali sono state disposte misure cautelari. Sequestrate anche quote societarie. Tutti sono indagati, a vario titolo, per avere realizzato un raffinato sistema di frode fiscale su scala nazionale, con regia unica su Catania, abusando dei vantaggi normativi in tema di “distacco di personale” previsti per i contratti di “rete tra imprese”. I reati a vario titolo contestati sono di associazione a delinquere, emissione di fatture per operazioni inesistenti, infedele dichiarazione dei redditi, dichiarazione fraudolenta mediante l’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, omesso versamento di ritenute previdenziali e di Iva, autoriciclaggio e riciclaggio di denaro di origine illecita.

In carcere sono finiti Carmelo Salvatore Di Salvo 52 anni originario di Canicattì nell’Agrigentino, Mariusccia Copia, 35 anni di Nicosia, Gaetano Vacirca 67 anni di Lentini, Gianluca Ius 49 anni di Roma e Fabrizio Sarra, romano di 55 anni. Ai domiciliari è invece finita Martina Arena, catanese di 38 anni, Francesco Arena, catanese di 63 anni, Antonio Angelo Santagati originario di Milano di 60 anni, Roberta Sarta 36 anni di Modica, Manuela Sarta, 45 anni di Modica, Valerio Sigari 43 anni di Pachino ma adottivo di Modica.

Obbligo di presentazione alla Pg invece per Marxo Faro catanese di 43 anni, Ingrid Fichera catanese di 36 anni, Rosella Spina .catanese di 37 anni e Andrea Vacirca di Canicattì di 47 anni. 


© Riproduzione riservata