Giudiziaria Pozzallo

Pozzallo, assolto ex comandante Bottaro

Il fatto non sussiste

Pozzallo - Una vicenda giudiziaria iniziata nel dicembre del 2014, quando l’ex sindaco di Pozzallo, Giuseppe Sulsenti, nel corso dell’udienza preliminare del procedimento giudiziario che lo vedeva coinvolto assieme ad altri 14 coimputati per la sospetta gestione del servizio di raccolta e smaltimento rifiuti affidata alla Geo-Ambiente, fu prosciolto da tutte le accuse.

Oltre a Sulsenti, che aveva chiesto di essere giudicato con il rito abbreviato, sono stati prosciolti altri tre coimputati, mentre altri dieci furono allora rinviati a giudizio. Limitatamente alle responsabilità di ciascun imputato queste le accuse loro rivolte: frode in pubbliche forniture, truffa, abuso d’ufficio, falsità materiale commessa da pubblico ufficiale in pubblico servizio, rivelazione di segreti d’ufficio, falsità materiale commessa da pubblico ufficiale in atto pubblico, violenza e minaccia a pubblico ufficiale.
Fra le dieci persone rinviate a giudizio, anche l’ex comandante della Polizia municipale, Luigi Bottaro. Cadute nei suoi confronti le accuse più pesanti, il gup lo aveva rinviato a giudizio per una imputazione residuale.
Il 19 settembre scorso, con sentenza del Tribunale di Ragusa, l’ex comandante della Polizia municipale di Pozzallo è stato assolto anche da quest’ultima accusa residuale perché il fatto non sussiste.