Benessere Detox

Dimagrire con la dieta dopo Pasqua

Una dieta bilanciata, ricca di verdura e frutta di stagione

È importante seguire una dieta subito dopo Pasqua, per evitare che le abbuffate non vadano a pesare troppo su di noi. Ecco come mantenere la linea. Abbiamo esagerato con le uova di cioccolato, deliziose colombe pasquali e chi più ne ha più ne metta? Per questo motivo è importante seguire una dieta subito dopo di Pasqua, in modo tale da ritrovare la nostra linea. Se avete esagerato solamente nei giorni di festa, niente paura! Non sarà difficile rimettersi in forma tornando subito a mangiare in maniera sana e favorendo il detox con alcuni piccoli accorgimenti. Se l’aumento di peso è solo di 1 o 2 chili non serviranno grandi sacrifici per tornare al proprio peso consueto e non occorrerà neppure seguire una vera e propria dieta. C’è poi da considerare che gli stravizi, se sono solo cosa di pochi giorni, non permettono di accumulare vero e proprio grasso. Nella maggioranza dei casi, infatti, si tratta di liquidi che possono essere facilmente eliminati. Questa dieta ci permette di arrivare in estate in forma e di perdere quei chili che abbiamo accumulato durante gli scorsi mesi invernali. Si tratta di uno stile alimentare utile da seguire, anche in previsione dell’arrivo delle vacanze. Scopriamo insieme meglio come funziona e cosa mangiare.

Menù e cosa mangiare per la dieta dopo Pasqua. Per rimanere in forma durante la primavera è necessario fare una dieta per dimagrire subito dopo Pasqua. È importante seguire una dieta bilanciata, ricca di verdura e frutta di stagione, che favoriscono anche la disintossicazione. Inoltre vi consigliamo di non acquistare tutti i dolcetti del periodo che si trovano nei negozi con gli sconti subito dopo Pasqua. In più dovete bere molta acqua, tisane e centrifugati, che aiutano a stimolare la diuresi.

Gli alimenti che aiutano a dimagrire. Durante la dieta dopo Pasqua ci sono alcuni alimenti da includere che ci aiutano a dimagrire. Vediamo insieme quali sono:

Frutta e verdura: La frutta non deve mancare, ma attenzione a non esagerare con estratti e centrifugati. Meglio mangiarla intera, 1-2 porzioni al giorno, per beneficiare anche degli effetti della fibra. Le verdure a foglia verde, e la lattuga in particolare, sono alimenti ricchi di vitamine e minerali, tra cui il magnesio e sono leggere. Contengono fibre e sono sazianti. La lattuga ha effetti rilassanti utili in caso si soffra di ansia, ancor più se causata dalle diete dimagranti.

Cereali e legumi. Farro, frumento, orzo, riso integrale, segale, piselli, ceci, lenticchie e fave sono solo alcuni dei cereali e legumi, perfetti per una dieta sana ed equilibrata. Oltre alle vitamine e a diversi composti bioattivi, questi alimenti contengono anche fibre che aumentano:

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1592892665-3-di-raimondo-mercedes.gif

il senso di sazietà; regolano la funzionalità intestinale; aiutano a mantenere sotto controllo i livelli di glicemia e colesterolo del sangue; mantengono l’equilibrio della flora batterica intestinale.

Carni bianche: La carne è un’importante fonte di proteine ad alto valore biologico, che aiuta ad aumentare e preservare la massa muscolare e mantenere la struttura ossea in salute.I prodotti a base di carne sono anche fonti di: vitamine del gruppo B; minerali come potassio, fosforo e zinco.Tuttavia, bisogna consumarla in maniera equilibrata e nelle giuste porzioni.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1592892665-3-di-raimondo-mercedes.gif

Come funziona la dieta dopo Pasqua? Si tratta di un percorso detox, che dura tre giorni almeno, ed è un po’ restrittivo vediamo insieme i consigli utili per perdere peso subito dopo Pasqua.

Basta dolci. Sicuramente in casa avrete avanzi di colombe, torte pasqualine o uova di cioccolata. Non lasciatevi tentare. Almeno per qualche giorno dopo gli stravizi è bene evitare di mangiare dolci di ogni genere per disintossicare il corpo dallo zucchero. Se riuscite eliminatelo anche dal caffè o tè, sostituendolo magari con qualche altro dolcificante naturale.

Bevi tanta acqua. I liquidi aiutano ad eliminare i liquidi. Per fronteggiare la ritenzione idrica, dunque, non c’è rimedio migliore che bere tanta acqua. E’ scontato che bisogna evitare invece bibite gassate, succhi di frutta confezionati (ben accetti invece sono gli estratti di frutta e verdura fatti in casa) e alcoolici. L’introito di liquidi può essere favorito assumendo anche delle tisane, meglio se dal potere sgonfiante o detox (vedi sotto) o acque aromatizzate.

Limita al minimo il sale. Il sale è un condimento di cui spesso abusiamo ma che invece dovremmo fortemente limitare se abbiamo a cuore la nostra salute. Utilizzarlo troppo non solo ci espone maggiormente al rischio cardiovascolare ma peggiora una già presente situazione di ritenzione idrica. Cerchiamo quindi di sostituirlo il più possibile con spezie ed erbe aromatiche per rendere più gustosi i nostri piatti.

Acqua e limone. Appena svegli si può iniziare la giornata sorseggiando acqua e limone, aspettando una mezzora circa prima di fare colazione. Questo è un semplice rimedio che offre diversi benefici tra cui quello di riattivare il metabolismo e favorire la perdita di peso.

Muoviti. Rimettersi in forma significa non solo mangiare bene ma anche evitare la sedentarietà. Non dimenticate dunque di praticare sport per almeno 40 minuti al giorno.

Dieta dei tre giorni dopo Pasqua: menù

Il primo giorno a colazione si mangiano uno yogurt e un kiwi, con un tè senza zucchero. A pranzo un uovo sodo con della verdura e a cena una zuppa di verdure.

Il secondo giorno si inizia con una colazione a base di frutta, a pranzo un’insalata e a cena del pesce al vapore con verdure.

Il terzo giorno la colazione è uguale al primo, a pranzo si mangia insalata e gamberi e a cena ricotta e verdure. Sono concessi due spuntini al giorno a base di frutta secca, fresca o centrifugati. In questo modo arriverete alle feste in perfetta forma. La dieta va seguita per tre giorni anche una volta al mese. Naturalmente il nostro consiglio, a meno che non si tratti di pochi chili, è quello di rivolgervi a un dietista o nutrizionista.


© Riproduzione riservata