Benessere Buone abitudini

Dieta: l'importanza di masticare lentamente i cibi

Masticare a lungo aiuta a mangiar meno

Dieta: l'importanza di masticare lentamente i cibi

La fretta non è soltanto una  cattiva consigliera, ma è nemica anche della digestione. Sono molteplici infatti gli effetti benefici che derivano da una corretta masticazione degli alimenti. Purtroppo tendiamo spesso a mangiare velocemente. Occorre invece prenderci il tempo necessario quando siamo a tavola. Un antico adagio latino recita prima digestio fit in ore. Ed è proprio così: la prima digestione avviene in bocca.

Masticazione: un poco alla volta
Masticare lentamente è quindi importante perché la masticazione riduce il cibo ingerito e quindi risulta maggiormente digeribile dai succhi digestivi e dagli acidi. Così possiamo evitare anche il gonfiore della pancia a fine pasto e limitare il reflusso gastroesofageo. Se mangiamo di fretta quindi non ce ne accorgiamo, per cui dopo poco siamo portati a cercare una soddisfazione in un nuovo cibo, ma non la troveremo se continuiamo a masticare frettolosamente. Questo accade anche se siamo stressati, e andiamo di fretta, invece il cibo merita di essere gustato, per cui prendetevi il vostro tempo. Mangiare lentamente ci permette di triturare gli alimenti in modo che arrivino già in poltiglia allo stomaco e all'intestino, che quindi possono utilizzare al meglio i nutrienti.

Masticazione: qualche utile accorgimento
In particolare la masticazione lenta facilita la digestione dei carboidrati grazie alla ptialina, un enzima contenuto nella saliva. Secondo gli esperti bisognerebbe masticare 13-15 volte ogni boccone per ottenere i migliori benefici. Volendo, come prova, potete provare a contare quante volte masticate un boccone nel prossimo pasto. Sempre secondo gli esperti, per diminuire il senso di fame bisognerebbe mangiare un boccone ogni 30 secondi, ma ovviamente non possiamo stare a tavola col cronometro in mano come se stessimo eseguendo un esercizio di ginnastica. Pian piano abituandoci a questo nuovo ritmo più rilassato, tutto verrà da sè.
Masticare lentamente può aiutarci anche se stiamo seguendo una dieta, in quanto può aiutarci a mangiare di meno. Masticando lentamente entra meno aria nella bocca, che altrimenti andrebbe ad "appesantire" lo stomaco. Inoltre con una lenta masticazione ci saziamo di più e quindi siamo meno tentati dal mangiare ancora.
Un piccolo accorgimento può essere di appoggiare la posata tra un boccone e l'altro, e di contare, come detto, il numero delle masticazioni perchè così acquisiamo consapevolezza dell'importanza di questo processo. Il cibo in tal modo si assapora meglio e al contempo riduciamo l'ansia e lo stress. Inoltre nelle ore successive al pasto, chi mangia lentamente e quindi mastica a lungo i cibi, sente meno il bisogno di consumare snack poco salutari e generalmente presenta livelli di insulina più bassi. Masticare più a lungo ci aiuta quindi a mangiare meno perchè l'organismo rilascia degli ormoni che regolano l'appetito a livello cerebrale. In particolare devono passare venti minuti prima che il segnale della sazietà arrivi dallo stomaco all'ipotalamo, il centro del cervello che controlla la fame.
Masticare a lungo i cibi aiuta anche la salute del cavo orale perchè ne migliora la pulizia favorendo la rimozione dei residui dei cibi tra i denti.
Inoltre riunirsi a tavola è anche una occasione conviviale per conversare con i nostri familiari e amici. Basti pensare alle radici più profonde della nostra cultura. Non è un caso che uno dei dialoghi più conosciuti di Platone, il Simposio, si inserisce nella cornice ambientativa di un banchetto indetto dal poeta tragico Agatone che invita gli illustri ospiti presenti, tra tutti Socrate, a misurarsi con l'elogio di Eros.


© Riproduzione riservata