Attualità Gambero Rosso 2023

Due siciliani, i migliori pastry chef dell’anno, per il Gambero Rosso 2023

La Guida Pasticceri e Pasticcerie 2023 del Gambero Rosso ha assegnato una serie di premi speciali ai migliori pastry chef d’Italia, regione per regione. A tenere alti i colori della Sicilia, due maestri

https://immagini.ragusanews.com//immagini_articoli/24-11-2022/due-siciliani-i-migliori-pastry-chef-dell-anno-per-il-gambero-rosso-2023-500.jpg Due siciliani, i migliori pastry chef dell’anno, per il Gambero Rosso 2023

Bologna- Nella dodicesima edizione della guida Pasticceri& Pasticcerie di Gambero Rosso, da quest’anno in collaborazione con Club Kavè - Il Club dell’Espresso Italiano, la Sicilia è ancora protagonista.
Il Gambero Rosso assegna in Sicilia due premi per i Migliori Pastry Chef
Anche quest’anno la Sicilia con i suoi maestri e prelibatezze dolciarie è protagonista della Guida Pasticceri & Pasticcerie 2023 con Fabrizio Fiorani e Giuseppe Amato. Il Migliore Pastry Chef della Sicilia è Fabrizio Fiorani del Duomo di Ragusa mentre Giuseppe Amato di Taormina è il miglior pastry Chef d’Italia per la regione Lazio. La Guida Pasticceri e Pasticcerie 2023 del Gambero Rosso ha assegnato infatti, una serie di premi speciali ai migliori pastry chef d’Italia, regione per regione. A tenere alti i colori della Sicilia, due maestri
La maestria dei pasticceri siciliani con le loro creazioni uniche continua a suscitare l’interesse di numerosi esperti del settore gastronomico, proprio come i palati esigenti degli ispettori della rinomata Guida del Gambero Rosso.
Come ogni anno l’edizione della Guida Pasticceri & Pasticcerie del Gambero Rosso raccoglie le migliori pasticcerie e pasticceri d’Italia, con una particolare attenzione alle novità del settore. Protagonista anche quest’anno la Sicilia con i suoi maestri e prelibatezze dolciarie.
Nella cornice di Palazzo Albergati a Zola Predosa, in provincia di Bologna è stata presentata la dodicesima edizione della Guida Pasticceri & Pasticcerie 2023 con all’interno 620 locali recensiti, valutati con un punteggio che va da una a tre Torte. Occasione importante che ha visto la proclamazione anche dei migliori pastry chef italiani.

Fiorani - Duomo Ragusa
Protagonista in assoluto in Sicilia è Fabrizio Fiorani del Duomo di Ragusa, maestro della pasticceria contemporanea siciliana che ha ottenuto quest’anno il titolo di migliore pastry chef di Sicilia. Classe 1986 e romano di nascita, ha lavorato in alcune delle migliori cucine d’Italia, come il The Cesar nello storico Hotel La Posta Vecchia a Palo Laziale, Il Pellicano di Porto Ercole, l’Enoteca Pinchiorri di Firenze e La Pergola a Roma. Numerose sono le sue esperienze internazionali come all’interno del ristorante di Heinz Beck a Tokyo e in qualità di pastry chef del BVLGARI Il Ristorante Luca Fantin di Tokyo.
Da qui inizia la sua lunga carriera come consulente di pasticceria per i migliori alimentari e gruppi leader nel settore alberghiero di lusso in tutto il mondo. Dal 2019 è il responsabile della pasticceria del ristorante Duomo di Ciccio Sultano ed è membro dell’Accademia Maestri Pasticceri Italiani.
Il concept della sue creazioni sposa un’idea di pasticceria estremamente contemporanea, raffinata e creativa. Le sue opere seducenti alla vista e al palato, stupiscono con sapori intensi ed avvolgenti realizzati con ingredienti locali in perfetto connubio con creatività, passione e rigore estetico di grande pregio.
Un plauso va anche al siciliano Giuseppe Amato 39 anni, di Gaggi, in provincia di Messina
Secondo la guida Pasticceri & Pasticcerie 2020 presentata da Gambero Rosso, in cui sono raccolti 580 indirizzi con voti indicati in centesimi in base a Pasticceria, Servizio e Ambiente, a trionfare come miglior “Pastry Chef” d’Italia è stato il siciliano Giuseppe Amato, (pasticciere del ristorante stellato di Roma La Pergola Rome Cavalieri di Heinz Beck).

Giuseppe Amato
Giuseppe Amato, pasticcere de La Pergola dell’Hotel Rome Cavalieri a Roma nominato migliore pastry chef del Lazio. Amato ha scoperto già da bambino la sua vocazione per la pasticceria e con grande ammirazione, intraprendenza è riuscito a trasformare in lavoro. Dopo diverse esperienze all’estero e in Italia nel 2004 è riuscito a inserirsi all’interno del team del ristorante di Heinz Beck “La Pergola” di Roma dove oggi Amato è il responsabile della pasticceria del locale stellato. Un vero maestro della pasticceria italiana che negli anni è riuscito a conquistare i palati di numerosi esperti del settore, tanto da ottenere anche il titolo nel 2021 di Miglior Pasticcere Da Ristorazione Al Mondo da Les Grandes Tables Du Monde.
I suoi dolci trasmettono le sue esperienze, la curiosità di provare nuovi ingredienti e tecniche senza mai tralasciare il forte legame con la sua terra, la Sicilia. Oggi Giuseppe è operativo anche nel campo della formazione, con particolare attenzione alle giovani generazioni infatti, da molti anni insegna e dirige scuole di alta formazione a Roma e a Palermo, alla Mag Master Academy.
Giuseppe, sposato con Manuela (chef de rang) e padre di due bellissimi bambini, aveva già attirato l’attenzione facendo parlare di sé conquistando nel 2018 il premio “Domori L’Espresso – Ristoranti d’Italia 2018 – Le Guide de L’Espresso” come miglior pasticciere dell’anno e quello di miglior pasticciere d’ Italia alla “Santa rosa pastry cup” nel 2019.

Tre Torte infiena vanno al Caffè Sicilia di Noto e per Sciampagna di Marineo, in provincia di Palermo.
 


© Riproduzione riservata