Benessere Dieta di stagione

Dimagrire in autunno con lo zenzero

Un naturale bruciagrassi

Lo zenzero (Zinziber officinale) è una pianta che appartiene alle Zingiberaceae, facilmente reperibile in commercio. La si può trovare sia come radice fresca oppure essiccata, ma ne esistono anche formulazioni in compresse e capsule. E' molto utile soprattutto nei mesi autunnali durante i quali siamo maggiormente esposti ai malanni stagionali. Lo zenzero presenta numerose proprietà per la salute: favorisce la digestione, ha un effetto riequilibrante sulla flora batterica e protegge la mucosa gastrica. Ma soprattutto lo zenzero è noto soprattutto perchè favorirebbe il dimagrimento. Questo alimento in particolare aumenterebbe il metabolismo favorendo la termogenesi, il processo tramite cui si genera calore bruciando proprio i grassi. Questa azione deriverebbe da un composto contenuto nella radice di zenzero che si chiama gingerolo. Proprio in autunno quando le ore di luce diminuiscono, l'azione stimolante di questo composto andrebbe a contrastare la tendenza dell'organismo ad accumulare grassi a causa del rallentamento del metabolismo. E'utile in particolare per sgonfiare la pancia. Lo zenzero incrementa la secrezione dei succhi biliari che evitano il gonfiore che si verifica dopo i pasti. In particolare è in grado anche di riequilibrare la flora intestinale favorendo la crescita di batteri "buoni" limitando al contempo la crescita dei batteri responsabili dei processi fermentativi. Lo zenzero riuscirebbe ad aggredire anche il grasso viscerale, (si forma tra gli organi presenti nell'addome) che è quello che desta più preoccupazione perché rappresenta un rischio anche per il cuore. Con lo zenzero quindi è possibile ottenere sia la perdita di peso che la riduzione dell'indice di massa corporea. A fronte di questi effetti benefici va però sottolineato che lo zenzero di per sè non può fare miracoli e solo nel contesto di una dieta sana ed equilibrata può esplicare le sue proprietà benefiche per la salute.

Zenzero e gli effetti dimagranti
Per beneficiare degli effetti dimagranti, si consiglia di consumare ogni giorno dai 10 ai 30 grammi di zenzero fresco. In particolare si consiglia di consumarlo col limone al mattino per sfruttare la massimo le proprietà bruciagrassi di questa pianta. Questo infuso di zenzero e limone può consumarsi anche più volte nel corso della giornata sia tiepido che caldo. In particolare attiva la termogenesi e quindi la combustione dei grassi. Lo si può anche utilizzare come condimento delle pietanze sia a pranzo che a cena oppure ancora se ne possono masticare dei pezzetti del rizoma tra un pasto e l'altro. Lo si può consumare anche come centrifugato, ad esempio con la mela o con la carota. Il tè verde allo zenzero invece è ottimo da bere soprattutto al pomeriggio. E' utile perché impedisce l'accumulo del grassi, migliora la digestione e contrasta anche il colesterolo nocivo Ldl. Per bruciare i grassi e accelerare il metabolismo lo si può provare anche nella versione con succo di limone, pepe di cayenna e sciroppo d'acero. Prepararlo è molto semplice: il succo di limone va portato a bollore e poi vi si aggiunge un pizzico di polvere di cayenna e un cucchiaio di sciroppo d'acero. Il composto così ottenuto va aggiunto a tre bicchieri di acqua e fatto amalgamare. La bevanda così ottenuta va consumata tre volte al giorno.

Zenzero: controindicazioni
E' controindicato a chi fa uso di farmaci anticoagulanti e antiaggreganti piastrinici in quanto potrebbe potenziarne gli effetti. Inoltre in alcuni, seppur rari casi, potrebbe dare allergia per cui quando lo assumete per la prima volta prestate attenzioni ad eventuali reazioni. Andrebbe evitato anche caso di diabete a causa dei suoi effetti ipoglicemizzanti. E' quindi indispensabile chiedere consiglio al proprio medico prima di utilizzarlo.