Benessere Dieta e alimentazione

Dieta low carb: il menù per mantenere i chili persi e un peso stabile

Proprio come dice la parola, una dieta low carb è a basso contenuto di carboidrati, infatti si concentra soprattutto sui grassi e sulle proteine e può essere definita anche dieta chetogenica

La dieta low carb il menù per mantenere i chili persi e un peso stabile

Come perdere peso velocemente o mantenerlo? Con un regime alimentare a basso contenuto di carboidrati, ovvero con la dieta low-carb, scopriamola insieme. Ormai da qualche anno, le diete low carb sono oggetto di un intenso dibattito tra chi le propone e chi continua a difendere lo stile alimentare mediteranno. La polemica, ovviamente, non riguarda soltanto l'efficacia dimagrante di queste diete, ma anche le loro ripercussioni sulla salute di chi le segue.
La dieta low-carb ha risultati ottimi per mantenere il peso stabile!
Dopo aver fatto tanti sacrifici, tra rinunce e una assidua attività fisica, secondo il recente studio, ci sarebbe solo un modo per mantenere a lungo un peso fisso. Ovvero quello di eliminare quasi completamente o ridurre di molto il consumo di pasta e pane. Purtroppo spesso chi ha perso peso torna a veder l’ago della bilancia risalire. Succede questo a causa di una legge del metabolismo che impone al corpo di bruciare meno calorie in seguito a un repentino dimagrimento.
Infatti quando dimagriamo il consumo energetico diminuisce e così arriva il famoso effetto yo-yo.

Cosa mangiare nelle diete low carb?
Proprio come dice la parola, una dieta low carb è a basso contenuto di carboidrati, infatti si concentra soprattutto sui grassi e sulle proteine e può essere definita anche dieta chetogenica, dove il pane, il riso e la pasta sono quasi diventate un vero e proprio tabù. Tendenzialmente per trovare quell’energia che il nostro corpo utilizzava grazie agli zuccheri dei carboidrati dovremo assumere molti più grassi (buoni). Per questo un alimento indispensabile è il pesce (come il salmone), ma anche carne, uova e verdure. Meno presente la frutta, troppo zuccherina. Anche i formaggi si possono mangiare, ma solo se a basso contenuto di carboidrati, infine la frutta secca e il latte o lo yogurt al naturale (senza zuccheri aggiunti).
La vera dieta low carb non bandisce definitivamente i carboidrati, ma devono essere assunti in maniera davvero ridotta (meno di 100 g al giorno) e che corrisponde a circa il 30% dell’energia assunta in 24 h da una persona normopeso. Vi sembrerà facile? Dipende dal vostro stile di vita, infatti sembra che in media si assuma il doppio di carboidrati ogni giorno, pertanto non per tutti sarà così una passeggiata passare a una dieta low carb. Ci sono diverse tipologie di diete low carb: oltre alla chetogenica ci sono anche la dieta metabolica, la dieta Atkins, la paleodieta ecc. Ma sono tutte positive per il nostro organismo e per la salute generale del corpo?
L’alimentazione low carb funziona?
Come detto in precedenza, la dieta low carb non serve solo per mantenere il peso, ma anche per ridurlo. Diminuendo così tanto i carboidrati il nostro corpo andrà a bruciare grasso, migliorando la nostra forma fisica. Si possono perdere, inizialmente e a seconda della vostra costituzioni, anche 2-3 kg a settimana per chi ha appena iniziato questo approccio di alimentazione. Possiamo quindi dire che, in effetti, la dieta low carb è un buon alleato per la silouette, tuttavia dovrete sempre intraprenderla sotto la prescrizione e la guida di un professionista. Infatti le diete chetogeniche portate avanti per troppo tempo potrebbero avere anche effetti collaterali e non solo benefici.

Menu settimanale dieta low carb per mantenere i chili persi e un peso stabile
Bisogna bene un bicchiere d’acqua appena svegli e almeno due litri durante il giorno. Chiaramente va benissimo anche bere tè o acqua e limone o anche acqua limone e zenzero ma senza zuccheri aggiunti o dolcificanti.
Lo spuntino prevede o biscotti proteici o integrali o una barretta (sempre e solo una al giorno, quindi si può scegliere se mangiarla la mattina o il pomeriggio.
Questa è la prima fase nella seconda fase si può poi introdurre un frutto o uno yogurt magro.
La frutta consentita è: mela, pera, arancia, mezzo pompelmo, mezzo melone, pesca, due prugne, mezza banana
I frutti vietati: cachi, fichi, uva
I condimenti variano fra succo di limone, sale, pepe, peperoncino, aceto di vino bianco o rosso. Sì all’olio di oliva ma solo extravergine e solo un cucchiaio. Sì ad aglio e cipolla, no all’aceto balsamico.
Le verdure, invece, concesse senza limiti sono: cime di rapa, cavolfiore, iceberg, bietola, zucchina, radicchio, broccolo, cetriolo, scarola, sedano, crescione, germogli di soia, champignon, spinaci, soncino, trevisana, finocchi, funghi porcini, cardi, insalata belga, indivia, cavolo, lattuga, rucola, ravanello, valeriana, cicoria, cavolo bianco.
Le verdure da usare senza esagerare (che significa massimo 200 g) sono: asparagi, melanzane, zucca gialla, cavolini di Bruxelles, fagiolini, tarassaco, rape, pomodori, carciofi e peperoni gialli e rossi.
Assolutamente vietate sono le patate, il mais, le barbabietole rosse, le carote, i cuori di palma e i legumi.
No al fritto.
I carboidrati vengono introdotti due volte alla settimana ma questo dopo una prima fase più rigida. È preferibile evitare quelli raffinati e scegliere quelli integrali.
Lunedì - Colazione: 4-5 biscotti proteici o integrali o fette biscottate o plumcake integrali - Spuntino: 2-3 biscotti proteici o integrali o la barretta. - Pranzo: una fetta di pollo alla piastra condita con poco olio crudo ed erbe aromatiche. - Spuntino: 2-3 biscotti proteici o integrali, oppure una barretta. - Cena: trancio di tonno al naturale con verdure al forno.
Martedì - Colazione: uguale - Spuntino: uguale - Pranzo: pesce spada affumicato con verdure.
Spuntino: uguale - Cena: vitello ai ferri con verdure.
Mercoledì - Colazione: uguale - Spuntino: uguale - Pranzo: frittata al forno (due uova) con verdure.
Spuntino: uguale - Cena: merluzzo alle erbe aromatiche con insalata.
Giovedì - Colazione: uguale - Spuntino: uguale - Pranzo: insalata di tonno - Spuntino: uguale - Cena: bresaola e verdure.
Venerdì - Colazione: uguale - Spuntino: uguale - Pranzo: 50 g di farro integrale con verdure - Spuntino: uguale - Cena: sogliola al forno con contorno di verdure
Sabato - Colazione: uguale - Spuntino: uguale - Pranzo: coniglio con verdure al forno - Spuntino: uguale Cena: pizza integrale alle verdure, senza mozzarella.
Domenica - Colazione: uguale - Spuntino: uguale - Pranzo: 200 g (massimo) di pollo arrosto senza pelle con verdure miste - Spuntino: uguale - Cena: spigola ai ferri con insalata.

Ci sono controindicazioni per la dieta low carb?
Una dieta low carb è perfetta per mantenere basso il livello di insulina per far sì che si inneschi la lipolisi e si parta a demolire il grasso accumulato aiutando il dimagrimento veloce.
Attenzione, però, a non esagerare facendola durare chissà quanto perché la dieta low carb è comunque una dieta sbilanciata e questo non può fare altro che portare poi danni permanenti agli organi che sono sottoposti a maggiore sforzo come i reni e il fegato. E’ una buona idea, però, per un lasso di tempo controllato che può portare a dimagrire con una certa facilità i chili di troppo.


© Riproduzione riservata
https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1631185761-3-minauda.jpg