Cronaca Catania

L'Etna erutta e nel catanese piovono pietre laviche VIDEO

Segnalazioni di ricaduta di materiale piroclastico sono arrivate da diversi paesi etnei, come Piedimonte e Linguaglossa, ma anche a Mascali

L'Etna erutta e nel catanese piovo no pietre laviche

Catania - Piovono pietre. Sputate dal vulcano. Si è concluso il 52esimo evento parossistico registrato dallo scorso febbraio sull'Etna. E' stato uno dei più intensi per rilascio di energia. Oltre alla fontana di lava, accompagnata da violenti boati, dal cratere di Sud-Est è emersa un’intensa e alta nube eruttiva che ha provocato caduta di cenere e materiale piroclastico su molti paesi alle pendici sul versante Nord-Est del vulcano. Sono ancora alimentati i flussi lavici che emergono dal cono del Sud-Est e si dirigono nella valle del Bove. I livelli del tremore dei canali magmatici dell’Etna sono "crollati" su valori medio alti e appaiono, dalla strumentazione dell’Ingv-Oe di Catania, in ulteriore calo.

Segnalazioni di ricaduta di materiale piroclastico sono arrivate da diversi paesi etnei, come Piedimonte e Linguaglossa, ma anche a Mascali. "Pioggia" di cenere è stata segnalata anche nel territorio di Taormina, che vediamo nel primo video: turisti e cittadini sono stati costretti ad aprire gli ombrelli per ripararsi dalla fulligine. Nel secondo, le "pallottole nere" mentre sferzano il parabrezza di una macchina sull'autostrada Messina-Catania; e poi ancora strade e case ricoperte dai lapilli, che costringeranno per l'ennesima volta gli abitanti dei paesi limitrofi a trascorrere la giornata con scopa e paletta. Nel filmato embeddato, è la Protezione civile di Giardini Naxos ad invitare i cittadini a fare attenzione.


© Riproduzione riservata