Economia Paradisi sanitari

Nella bianca Sardegna riparte il turismo, e in Sicilia? Le isole di Pasqua

Vaccini di massa negli arcipelaghi per farne oasi Covid free da cui rilanciare il settore, ma l’ok spetta a Roma

https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/08-03-2021/nella-bianca-sardegna-riparte-il-turismo-e-in-sicilia-le-isole-di-pasqua-500.jpg Nella bianca Sardegna riparte il turismo, e in Sicilia? Le isole di Pasqua

 Ragusa - La riapertura di bar fino alle 21, i ristoranti fino alle 23 e il coprifuoco dalle 23.30 stanno facendo già sentire i loro effetti sul turismo della bianca Sardegna, dove Federalberghi rileva un aumento delle prenotazioni per l’estate. Prenotazioni che andranno confermate (come i biglietti “sospesi” delle compagnie di navigazione) ma che rivelano comunque una certa dose di fiducia dei consumatori sul corso dei prossimi mesi da parte sia di italiani e che stranieri, soprattutto britannici dopo della ripresa dei viaggi internazionali l'annuncio de premier Johnson a partire da metà maggio. Se prima del Covid le ricerche che riguardavano il nostro Paese erano associate a parole chiave come “mare”, “vacanza” e “bellezza”, oggi le prime 3 digitate sui browser sono “restrizioni”, “regole” e “vaccini” anti virus. Nella recente ricerca sul sentiment in Rete curata dal gruppo Human, c’è di buono che la regione a cui queste keywords sono più associate è la Sicilia. Come si sta regolando dunque l’Isola?

Per colpa della persistente imprevedibilità delle infezioni locali e nazionali Sailogy, piattaforma online leader nel noleggio di barche, prevede che due italiani su tre (il 64%) rinunceranno ai viaggi esteri e privilegeranno il Belpaese per ferie ed escursioni, brevi o lunghe che siano, possibilmente già da primavera. E la meta indicata come preferita è la Sicilia, specialmente le Eolie, seguite dall'Elba che scavalca proprio la Sardegna sulle prenotazioni nello stesso periodo dell’anno scorso.  Le isole restano le destinazioni più gettonate, quelle in cui pare che al momento si respiri un’aria più libera dal Covid: Alicudi e Filicudi, ad esempio, sono state elogiate una settimana fa dalla Cnn per essere riuscite assieme alle Pelagie a mantenersi immuni dal contagio anche durante le fasi acute dell’emergenza. Sebbene la stessa Sardegna viva in questi giorni la contraddizione estrema di un lockdown rosso all’interno di una regione bianca, proprio in un’isola tra le più turistiche come la Maddalena.

E’ dalla Grecia, che di isole ne ha tante, che il sindaco di Favignana Francesco Forgione ha mutuato l'idea di vaccinare subito tutti gli abitanti delle isole minori siciliane, così da prepararle al meglio per la stagione estiva - e magari anche per la prossima Pasqua - facendone delle oasi Covid free: paradisi sanitari in cui accogliere con serenità i bagnanti, porti franchi dove riparare in sicurezza almeno parte della stagione turistica. La proposta è stata raccolta naturalmente da tutto l'arcipelago e dalle altre isole dell’Isola. Pantelleria non vuole neanche aspettare la vaccinazione e ha chiesto a Musumeci di diventare bianca fin d’ora. Pure Confesercenti ha già scritto alla Regione, invocando una legge speciale: Palazzo d’Orleans approva ma non è certo pensabile di salvare il comparto alberghiero e ristorativo ormeggiandolo alle sole isole minori. La corsia preferenziale dev’essere inoltre accordata dal governo centrale introducendo un criterio di natura economica, il rilancio del turismo, in una campagna fin qui disciplinata, come dovrebbe essere, da principi di carattere esclusivamente sanitario, legati a categorie e mestieri ad alto rischio. Tuttavia è indubbia la disomogeneità dei contagi in Sicilia e - trattandosi di popolazioni con piccoli numeri - gli isolotti potrebbero anche spuntarla, in considerazioni delle gravi perdite fin qui subite. 


© Riproduzione riservata