Cronaca Santa Croce Camerina

Il cuore di fiori di Veronica al funerale di Loris

Tensione e commozione
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/18-12-2014/1418923339-1-il-cuore-di-fiori-di-veronica-al-funerale-di-loris.jpg&size=376x500c0
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/18-12-2014/il-cuore-di-fiori-di-veronica-al-funerale-di-loris-100.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/18-12-2014/1418923339-1-il-cuore-di-fiori-di-veronica-al-funerale-di-loris.jpg

Santa Croce Camerina - Sul sagrato della chiesa di San Giovanni Battista a Santa Croce di Camerina, dove si sono svolti i funerali del piccolo Loris Stival, c'era anche anche una corona a forma di cuore con fiori che compongono la scritta 'Loris', accompagnata da un nastro bianco con la scritta 'la mamma Veronica''. 

Una grande foto di Loris portata in cielo da palloncini bianchi. E gli occhi di tutti puntati in alto alla fine della cerimonia funebre nella chiesa di San Giovanni Battista, in una Santa Croce Camerina ancora sotto choc per un terribile delitto.
Tanti i fiori e i peluche in piazza. La folla che ha atteso all'esterno della chiesa, nel sagrato, ha lasciato volare gli altri palloncini e liberato un applauso al passaggio della bara bianca sostenuta anche dal padre Davide Stival, con adagiata sopra una corona di fiori colorati. E le campane a sottolineare l'animo mesto della cittadina a lutto. Dietro anche i compagnetti e di docenti per l'ultimo corteo questa volta verso il cimitero.

La bara è stata portata da quattro persone, tra le quali il padre del bimbo, Davide. La bara è stata fatta entrare in chiesa da un ingresso laterale. La piazza è stata transennata e presidiata dalle forze dell'ordine. Sono poche le corone di fiori davanti alla chiesa San Giovanni Battista. Qualcuno si avvicina per sistemarle vicino alle porte blindatissime della chiesa e si allontana per evitare di essere ripreso dalla telecamere. La città si stringe al dolore della famiglia Stival e partecipa come può. Dentro il caffè Mokambo, proprio di fronte alla piazza, ci sono palloncini azzurri e bianchi che i proprietari faranno volare alla fine della cerimonia.

Presente il prefetto di Ragusa, Annunziato Vardè: "Sono qui per manifestare il mio profondo cordoglio personale e delle istituzioni che rappresento. Confido nell'impegno della Procura affinchè sia fatta piena luce su questo tragico caso e a questo proposito auspico che sia rispettato il lavoro degli inquirenti e possa essere assicurata la necessaria collaborazione da parte di coloro i quali possano dare aiuto agli inquirenti per le indagini".

"E' opportuno che i compagni di classe di Loris partecipino ai funerali: devono tornare subito alla normalità e prendere atto della tragedia", dice Franco Di Martino, dirigente del servizio di psicologia dell'Asp di Ragusa che, assieme ai colleghi, ha aiutato gli alunni e le insegnanti della scuola elementare frequentata dal bimbo ucciso lo scorso 29 novembre. "Ho consigliato alla preside della scuola - aggiunge Di Martino - di non evitare la partecipazione degli alunni al funerale del piccolo Loris, in modo che abbiano consapevolezza di questa morte e della perdita del loro compagnetto di scuola".

In piazza, davanti alla chiesa, dà le ultime disposizioni il sindaco di Santa Croce Camerina, Franca Iurato. "Spero che il funerale - dice - riporti pace in paese e ci sottragga all'eccesso di mediaticità. La pace e la serenità ce la chiedono in particolar modo i nostri bambini. Ne abbiamo perso uno e non vogliamo che altri soffrano ancora. Ringrazio i cittadini per la grande compostezza - conclude il sindaco - ma ora tutti abbiamo bisogno di pace". Tanti i manifesti funebri che salutano Loris nel giorno delle esequie. Uno, in particolare, sottolinea la "maniera tragica" della morte del bambino ed è a nome anche della mamma. Fra gli altri, quelli del Comune, della scuola da lui frequentata, dei compagni e dell'associazione sportiva Taekwondo che saluta il piccolo con un "ciao campione".

"Davide Stival si costituirà parte civile nel processo per l'omicidio del figlio, contro chiunque sarà", annuncia l'avvocato Daniele Scrofani, legale del marito di Veronica Panarello. Scrofani conferma che Stival si costituirà in giudizio "anche se dovesse realmente risultare la moglie l'unica colpevole". "Il mio assistito - spiega l'avvocato - in questo momento non ha intenzione di andare a Catania in carcere a trovare la moglie. E' interessato solo a capire come sono andati i fatti realmente e ha fiducia nel lavoro degli inquirenti". Davide Stival viene descritto dal suo legale come "una persona genuina, con la testa sulle spalle e che sta reagendo in maniera solida". 

http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif