Benessere Ingrassare

Dieta per prendere peso: ecco come fare

Consigliata per chi è sottopeso

La maggior parte delle diete ha come obiettivo il dimagrimento. Tuttavia esistono anche diete per prendere e non per perdere peso. In effetti anche la magrezza, quando è eccessiva, è spia di qualche problema, allo stesso modo dell'essere in sovrappeso. Alla base di entrambi gli eccessi vi è evidentemente anche un problema di scarsa educazione alimentare. Anzitutto, per capire se si è o meno sottopeso, si utilizza come parametro l'indice di masa corporea, ovvero il rapporto tra peso altezza (IMC o BMI, acronimo inglese di Body Mass Index) che permette di stabilire quindi se il peso rientra o meno nella media. Si parla propriamente di sottopeso quando questo indice è inferiore a 18,5. In questi casi è quindi indicato sottoporsi a una dieta ingrassante.

Anzitutto è quindi importante individuare se la magrezza è costituzionale o patologica. Nel primo caso vi è una magrezza di base, la persona è leggermente sotto peso e comunque non ha mai avuto problemi di salute. Nel secondo caso invece bisogna individuarne la causa, in quanto potrebbe derivare da diversi fattori: ad esempio da una patologia o da traumi psicologici.
In assenza di una patologia, i motivi che possono spingere a seguire una dieta ingrassante sono diversi. Ad esempio chi ha un metabolismo molto veloce brucia molto rapidamente le calorie consumate e quindi non ha alcuna riserva di grasso. Una situazione analoga può riguardare chi fa attività sportiva e si alimenta troppo poco. Oppure è indicata a chi ha perso peso a causa di stress, depressione e stanchezza nervosa.

Aumentare di peso: come regolarsi
Generalmente l'errore comune quando si vuole mettere peso che viene commesso più di frequente, consiste nel rimpinzarsi con cibo spazzatura e bevande gassate. In tal modo ci si riempie di grassi saturi che fanno male alla salute e zuccheri semplici che fanno ingrassare, ma soprattuto aumentano il tessuto adiposo. I chili messi non sono quindi il frutto di una dieta salutare. In effetti invece è bene privilegiare i carboidrati complessi rispetto agli zuccheri semplici e i grassi insaturi rispetto a quelli saturi, per cui ad esempio il burro non va sostituito all'olio extra vergine di oliva nel condimento delle pietanze. E' importante poi incrementare il consumo di cibi che contengono proteine, anche quelle di origine vegetale, che si trovano ad esempio nei legumi e nei cereali. La carne invece andrebbe consumata per non più di 2 o 3 volte alla settimana. Tra gli alimenti proteici da inserire nella dieta per ingrassare abbiamo anche latte, uova e formaggi. Da non trascurare le cinque porzioni al giorno di frutta e verdura come nei regimi dietetici normocalorici. Inoltre è importante seguire uno schema alimentare che preveda cinque pasti giornalieri: i tre principali, colazione pranzo e cena, assieme a due spuntini, uno a metà mattina e uno a metà pomeriggio. Schematicamente per semplificare questa è la dieta per ingrassare.
1) Pane o pasta ad ogni pasto.
2) Latticini da consumare una volta al giorno.
3) Uova o leguni 1 o 2 volte al giorno.
4) carne due o tre volte alla settimana.
5) Bere 1,5 2 litri al giorno.
6) Da non trascurare l'attività fisica. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, non è vero che il fitness faccia bruciare le calorie e quindi non ci aiuti a prendere peso. Le proteine che introduciamo con l'alimentazione, proprio grazie all'esercizo fisico, vengono utilizzate per formare massa magra a discapito di quella grassa nociva per la salute.