Benessere Sport finlandese

Nordic walking: la camminata nordica per dimagrire

Camminare con i bastoncini

Nordic walking: la camminata nordica per dimagrire

La nordic walking ovvero la camminata nordica traducendo alla lettera, che nasce in Finlandia negli anni 90', presenta una particolarità: si svolge con l'ausilio dei bastoncini che agevolano la camminata e soprattutto riducono l'impatto articolare a carico di ginocchia e caviglie. Questi bastoncini, a differenza di quelli per il trekking che vengono usati in appoggio, si usano in spinta. Non è un caso che la camminata con i bastoncini si definisca una disciplina no impact, ovvero la sollecitazione meccanica a carico dell'apparato locomotore risulta piuttosto scarsa. Se siamo in salita l'uso di bastoncini diminuisce il carico sia sulla schiena che sugli arti inferiori, se invece affrontiamo un tratto del percorso in discesa, i bastoncini attenuano le pressioni sulle articolazioni. Ma soprattutto questo tipo di camminata che apporta benefici ancora maggiori ai non atleti, costituisce un ottimo esercizio per spendere le calorie in eccesso. E' adatto a tutte le età e a tutti i livelli di allenamento. Questa attività aerobica può svolgersi all''aria aperta senza che vi sia la necessità di attrezzature particolari. Oltre a ciò, si può passeggiare immersi nella natura godendo così della bellezza dei paesaggi.

Camminata nordica: i benefici
In particolare la walking nordic giova chi ha qualche chilo di troppo perché il corpo deve lavorare di più e quindi brucia più calorie. Secondo gli esperti, il dispendio energetico con la camminata nordica ci permette un consumo calorico superiore al 20-40% rispetto alla camminata senza bastoncini. Volendo fare un raffronto relativo a un'ora di attività, con la camminata a bastoncini si arriva a bruciare fino a 450 Kcal rispetto alle 250 Kcal perse con la camminata tradizionale. Per ottenere un effetto dimagrante è necessario camminare a una intensità medio alta. Uno sforzo che sia costante ma non particolarmente intenso è sufficiente perché l'organismo utilizzi le riserve di grasso. Se si corre più veloce l'organismo richiede un supplemento energetico per recuperare dallo sforzo in tempi brevi. I benefici di questa camminata coinvolgono anche la postura e l'equilibrio e non ultimo sono utili per mantenere in allenamento il cuore perché durante l'esercizio ne aumenta la frequenza cardiaca. L'uso dei bastoni infatti permette una maggiore stabilità a chi ha problemi di equilibrio e ci aiutano a tenere una postura corretta. Sempre in tema di fitness, grazie all'aiuto dei bastoni il passo aumenta di lunghezza, per cui è possibile ottenere miglioramenti per quanto riguarda il tono muscolare di gambe e glutei.

Dimagrire con la walking nordic
Per ottenere i migliori risultati bisognerebbe seguire un programma di allenamento che preveda questo tipo di camminata almeno tre volte alla settimana per la durata di 30-40 minuti. Stabilire se il ritmo che si sta seguendo è adeguato non è difficile: se riuscite a parlare mentre camminate o se comunque non avete affanno significa che è quello giusto, ovvero che state eseguendo attività aerobica in maniera corretta.

Come camminare con i bastoncini
Si tratta di una camminata normale che prevede un passo più lungo e l'utilizzo dei bastoni che favoriscono il movimento grazie all'impugnatura e alla punta che si adatta bene al suolo. Prima di ogni allenamento, anche in questo caso, non si può prescindere dallo stretching che prevede soprattutto esercizi specifici per tricipiti, schiena, cosce, polpacci, grande gluteo. Per camminare correttamente è importante utilizzare i bastoncini tenendo le braccia vicino al corpo distendendole avanti e indietro in sincronia con il movimento delle gambe. In questo senso al movimento del braccio destro col bastone puntato in avanti corrisponde il movimento della gamba sinistra che si muove indietro e viceversa. In effetti trattandosi di una camminata che sollecita quasi tutti i muscoli del nostro corpo è importante muoverli bene per evitare infortuni, ad esempio strappi e contratture.


© Riproduzione riservata