Attualità In prospettiva

Covid, in Sicilia sarà un bianco Natale

Il pronostico di Ragusanews: l’epidemia non peggiorerà tanto da cambiare colore all’Isola prima delle feste

https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/10-11-2021/covid-in-sicilia-sara-un-bianco-natale-500.jpg Il pronostico di Ragusanews

Ragusa - In gran parte d’Europa tornano a salire le curve dell’epidemia Covid: più più contagi che decessi e ricoveri, per la verità. La "quarta ondata" in Italia è meno potente grazie alle vaccinazioni, vicine all'84% della popolazione. Ma se il trend - per quanto lentamente - proseguisse l'ascesa, qualche regione rischierebbe di tingersi di giallo giusto a ridosso delle festività natalizie. Tutto sommato, vorrebbe dire solo obbligo di mascherina all'aperto e capienza di cinema, teatri e stadi al 50%.

Se le terze dosi ingraneranno davvero, con le attuali soglie di ospedalizzazione zone rosse e arancioni resteranno per sempre un ricordo. Attualmente il Paese è diviso in 3 “sottofasce”: i territori virtuosi, da area bianca splendente; quelle intermedie, col colore un po’ opaco; e infine quelle prossime al giallo. L’area più critica, dopo gli assembramenti di Trieste, continua a essere il Nord Est: in Alto Adige il record nazionale di oltre 240 positivi su 100mila abitanti e soglie ospedaliere attorno all’11%.

La Sicilia - con un tasso di positività poco superiore ai 50 nuovi casi settimanali e un'occupazione del 5% in terapia intensiva e dell'8% nei reparti ordinari, si colloca nella fascia mediana - la più corposa - insieme a regioni come Calabria, Lazio, Toscana, Lombardia e Piemonte. Sardegna e Molise le migliori, con una ventina di casi e posti letto al 3%. Dunque l’Isola potrà avere al massimo ancora qualche macchiolina arancione, che a livello di restrizioni equivale a un giallo locale, ma la regione a Natale sarà ancora bianca. A meno che il governo non decida, in quei giorni, di varare delle misure speciali a livello nazionale per contenere i movimenti. 


© Riproduzione riservata