Cultura Lutto generazionale

Addio alla Raffaella nazionale, il primo ombelico scoperto della tv

Un vulcano sotto il caschetto

https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/05-07-2021/raffaella-carra-e-morta-aveva-78-anni-500.jpg Raffaella Carrà è morta, aveva 78 anni

Roma - Da oggi Raffaella Carrà non c'è più. "Raffaella ci ha lasciati. E' andata in un mondo migliore, dove la sua umanità, la sua inconfondibile risata e il suo straordinario talento risplenderanno per sempre". Con queste parole Sergio Iapino ha dato il triste annuncio oggi pomeriggio, unendosi al dolore degli adorati nipoti Federica e Matteo, di Barbara, Paola e Claudia Boncompagni, degli amici di una vita e dei collaboratori più stretti. Raffaella Maria Roberta Pelloni era nata a Bologna il 18 giugno 1943 ed è cresciuta in Romagna.

Da bambina si è trasferita a Roma per studiare all’Accademia nazionale di danza e al Centro sperimentale di cinematografia.Solo negli anni 60 ha cambiato cognome usando lo pseudonimo d’arte con cui è diventata uno dei personaggi della tv e dello spettacolo italiano piu' popolari in assoluto. Raffaella è riuscita a tenere testa a mostri sacri della tv come Pippo Baudo, Mike Bongiorno, Corrado, Paolo Panelli e Alighiero Noschese.

E a giocare alla pari con star del calibro di Mina, lanciando Tuca Tuca, costumi sexy e canzoni trasgressive come "Rumore" e "Come è bello far l'amore da Trieste in giù". Moderna da sempre, tanto da diventare icona gay. Milleluci e mille volti: la Carrà è quella che ancheggia e volteggia sorridente ma sensuale in "Canzonissima", che veste i panni di Maga Maghella e duetta con Topo Gigio, o che si immedesima con la gente comune in "Carramba". Una grande donna, un'autentica professionista, una vera regina incoronata da un caschetto biondo e irriverente. Ci mancherà. Tanto.


© Riproduzione riservata