Attualità Brescia

I funerali di Nadia Toffa. FOTO

"Ie jesche pacce pe te!"

  • https://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/16-08-2019/1565948353-1-i-funerali-di-nadia-toffa.jpg&size=893x500c0
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/16-08-2019/i-funerali-di-nadia-toffa-100.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/16-08-2019/1565948353-1-i-funerali-di-nadia-toffa.jpg

Brescia - È il giorno dell'ultimo saluto a Nadia Toffa, la conduttrice morta per cancro a soli 40 anni. Tra le migliaia di presenti ci sono anche gli amici del minibar di Tamburi, quartiere di Taranto in cui c'è l’Ilva.

Davanti al Duomo di Brescia, dove si celebrano le esequie officiate dal parroco di Caivano, Maurizio Patriciello, indossano una maglietta con la scritta "Ie jesche pacce pe te!", in tarantino 'Io esco pazzo per te', che è il fulcro di un progetto benefico. Nadia conobbe i ragazzi del minibar in occasione di un suo servizio sull'Ilva.

"Fu lei che vedendo quella maglietta che ebbe l’idea - raccontano - e, negli anni, siamo riusciti a raccogliere 700 mila euro e abbiamo aperto un reparto oncologico pediatrico. Senza di lei non sarebbe stato possibile".

Una nara bianca ricoperta di rose

La bara bianca ricoperta di rose è stata accolta da un lungo applauso da parte di centianaia di persone. Sul feretro, anche la cravatta delle Iene, portata dall'autore Davide Parenti. In chiesa, ad attenderla don Maurizio Patriciello, parroco di Caivano (Napoli) simbolo della lotta alla "Terra dei Fuochi" e protagonista di alcun servizi de Le Iene, che la conduttrice amava e seguiva anche come padre spirituale. «Nadia ha voluto che fossi io a celebrare il suo funerale - ha spiegato don Maurizio – mi costa molto ma glielo devo per quello che ha fatto per noi».

«Siamo venuti in chiesa per pregare per lei, torniamo a casa più uomini. Nadia, ci costringi ad avere il coraggio di guardare negli occhi la morte. Ma è una nemica o un'alleata?». «Nadia, falla un'inchiesta sul Paradiso», invoca don Maurizio Patricello.