Benessere Dieta della corsa

Chi si ferma è perduto: i motivi per iniziare a correre

Diminuisce lo stress e si perde peso

Perché iniziare a correre? La corsa esprime la bellezza e la libertà del corpo in movimento. Sono molteplici i vantaggi che ne derivano per il benessere psico-fisico. Gli effetti più noti riguardano il dimagrimento e il mantenimento della forma. Di seguito vi indichiamo una serie di motivi per cominciare a correre.
Per correre serve davvero poco: una tuta e un paio di scarpe di ginnastica e un po' di volontà. Anche se non siamo in forma possiamo iniziare ad allenarci a poco a poco, a piccoli passi è proprio il caso di dire, per aumentare gradatamente la qualità delle nostre performance.
Diminuisce lo stress: se lo si fa abitualmente aiuta a sciogliere le tensione di spalle e collo. La corsa inoltre ci fa stare bene perché il cervello rilascia le endorfine, ovvero quelle sostanze che vengono prodotte per far fronte al dolore e per fronteggiare meglio lo stress e la fatica. Ed è proprio dal rilascio delle endorfine che deriva la sensazione di benessere tipica che prova chi corre. Anche dopo terminata la corsa rimangono in circolo ancora per qualche ora regalandoci una sensazione di prolungato benessere. Non a caso esiste proprio un termine che la definisce: runner’s high ovvero lo sballo del runner.
Aiuta a dimagrire: se si ha qualche chilo di troppo da smaltire questa è la motivazione più frequente che ci convince a mettere le scarpe di ginnastica perché la corsa se praticata con costanza ci aiuta bruciare i depositi di grasso. Se siamo normopeso invece ci aiuta a rimanere in forma.
Aiuta il sonno: dopo aver fatto dell'esercizio fisico dormiamo meglio. In particolare una ricerca condotta nel 2013 riportata dal New York Times ha evidenziato che dopo 4 mesi di allenamenti settimanali costanti i volontari riuscivano a gestire meglio l'insonnia di cui soffrivano. In particolare hanno riscontrato un miglioramento della qualità del sonno.
Pensa positivo: la corsa è una sorta di iniezione naturale di ottimismo e fiducia. Inoltre ci mette a contatto con la natura e anche con noi stessi. Ci aiuta ad ascoltarci. Se invece corriamo magari la mattina presto, possiamo osservare la città ancora immersa nel sonno che si risveglia.
Previene le malattie: la corsa aiuta a rinforzare il cuore e il sistema circolatorio perché diminuisce la pressione e aumenta la produzione del colesterolo buono.

Correre: il programma per iniziare
Soprattutto chi si cimenta con la corsa per la prima volta dovrebbe procedere per grado. La prima cosa da fare quindi è di cominciare camminando. Ad esempio si può partire alternando 10 minuti di camminata con 5 di corsa per una mezz'ora per prendere dimestichezza. Ognuno deve trovare il ritmo che gli è più congeniale.
Come fare gli allenamenti: il minimo per iniziare è di fare 2 allenamenti alla settimana, mentre correre 3 o 4 volte sempre ogni 7 giorni sarebbe l'ideale. Allenarsi con continuità è importante perché permette al fisico di adattarsi a allenamenti a intensità crescente.
Mangiare e dormire bene: prima degli allenamenti è buona norma evitare pasti pesanti ed è bene riposare almeno 7 ore.
Se mi fanno male gambe che fare? Spesso significa che abbiamo la muscolatura inferiore del corpo poco sviluppata, e quindi polpacci e cosce poco allenati. Per rimediare nei giorni in cui non corriamo gli esperti consigliano di praticare 3 serie da 15 ripetizioni di squat.
Se ho il fiatone? Se cominciamo ad avvertire un po' di affanno basta rallentare per 1 o 2 minuti quindi riprendere a correre più piano. Per capire se stiamo tenendo il ritmo giusto possiamo provare a parlare, se riusciamo a farlo senza affanno significa che stiamo andando bene. Per evitare il fiatone possiamo alternare corsa e camminata.

Fitta al fianco durante la corsa: che fare? E' un segno tipico di chi ha iniziato a fare sport o comunque è poco allenato. Se si presenta a destra deriva da un aumento di afflusso di sangue al fegato, a sinistra se colpisce alla milza. L'organismo risponde all'affaticamento aumentando l'irrorazione sanguigna agli organi per farli lavorare meglio. In questi casi è opportuno fermarsi fino a quando non passa il dolore per poi riprendere a un ritmo più blando. Inoltre bisognerebbe evitare di correre dopo i pasti perché può aumentare il rischio di fitte ai fianchi.
Ponetevi degli obiettivi: la nostra mente ha sempre bisogno di porsi dei traguardi da raggiungere. Fondamentalmente quindi abbiamo bisogno di motivazioni per dare il massimo. Ovviamente dobbiamo puntare a obiettivi reali e raggiungibili che siano quindi alla nostra portata, altrimenti rischiamo di andare incontro alla frustrazione.