Attualità Prospettiva Covid

Sicilia, prima vittima della Delta: rischio zona gialla da lunedì 26 luglio

Verso nuove regole per le fasce di colore, e non compromettere il resto dell’estate

https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/16-07-2021/sicilia-prima-vittima-della-delta-rischio-zona-gialla-da-lunedi-26-luglio-500.jpg Verso nuove regole per le fasce di colore, e non compromettere il resto dell’estate

 Ragusa - Per questa settimana è andato ancora tutto bene: nessuna regione cambierà colore lunedì prossimo ma, una volta imboccata, difficile che l’ondata di contagi regredisca così alla svelta. Il vecchio Rt è a 0.95, il tasso sui tamponi molecolari è al 4,2% e anche il calo dei ricoveri s’è arrestato: la Sicilia - con l’incidenza settimanale di 31,8 nuovi casi per 100mila abitanti, rilevata oggi dal Cts romano - è tra le prime candidate a superare quota 50 e quindi a uscire dalla zona bianca.

Già da lunedì 26 luglio, secondo gli esperti, se il trend manterrà questo ritmo. A meno che non cambino i parametri dei colori: innalzando la  soglia dei contagi, visto che ancora non corrispondono ad altrettante ospedalizzazioni; o privilegiando esplicitamente quest’ultimo indice, che è cifra dello stato di ogni campagna vaccinale regionale. Prima che anche questo parametro venga scombussolato dagli spostamenti dell’estate.

Il traffico vacanziero è partito alla grande già da luglio - esattamente quando siamo stati autorizzati ad abbassare la mascherina - e deve ancora entrare nel periodo “caldo” di agosto. Su questo fronte la Sicilia è tranquilla: l'occupazione di terapie intensive e reparti ordinari è rispettivamente al 3 e 5%. Si registra purtroppo la prima vittima ufficiale della variante Delta, un 59enne di Marsala che aveva fatto una sola dose di vaccino.

Il problema, comunque, è nazionale: per il monitoraggio Iss del venerdì l’intera penisola - tranne Trento e Val d’Aosta - è a rischio moderato e corre il pericolo di ridipingersi di giallo, se non a fine mese all’inizio del prossimo. Anche la provincia di Ragusa  sta dando il suo contributo al “capillare tracciamento e sequenziamento dei casi” invocato dagli scienziati, insieme al raggiungimento di una maggiore copertura vaccinale della popolazione. Un altro parametro decisivo, in cui certo l’Isola non brilla.


© Riproduzione riservata