Economia L'aeroporto

Ultimo volo Alitalia da Comiso, si chiude un'era

Lo scalo ragusano estromesso dalla staffetta con Ita

Ultimo volo Alitalia da Comiso, si chiude un'era

 Comiso – Ultimo giorno per viaggiare con Alitalia: stasera la compagnia di bandiera italiana saluta i cieli e i passeggeri con il volo d’addio dopo 75 tormentatissimi anni di storia. Al suo posto, da domattina, subentra la newco Ita. Per ora l’azienda opera con una flotta di 52 aerei, che nel 2022 dovrebbero diventare 78 per crescere sino a 105 entro il 2025, tra wide e narrow body, il 77% dei quali di nuova generazione. i dipendenti assunti con un nuovo contratto di lavoro nel settore “aviation” saliranno contemporaneamente dagli attuali 2.750-2.950 a 5.550-5.700 a fine 2025 persone. Più altri 2.650-2.700 risorse per l’area "ground handling" e 1.100-1.250 nella manutenzione.

Come sappiamo, l’aeroporto di Comiso è escluso dai voli in continuità territoriale. Infatti, nessuna compagnia ha accettato l'"invito" di collegare l'aeroporto ragusano con Roma e Milano con i 21 nazionali settimali previsti. Il contributo destinato alle compagnie (circa 4,4 milioni) , per almeno 7 mesi di attività in attesa di riformulare il nuovo bando, non sosterrebbe economicamente l'operativo dei voli previsti. Ita, che aveva partecipato all'avviso sulla continuità territoriale in Sardegna, ha scartato l'ipotesi di Comiso.

Anche le altre compagnie che attualmente operano in continuità territoriale da Trapani, Dat, Albastar e Tayaranjet non hanno risposto. Al momento lo scalo ragusano non è in tabellone nelle 45 destinazioni e 61 rotte nazionali e internazionali dal medio a lungo raggio, che saliranno rispettivamente a 74 e 89. Intanto prosegue ad oltranza lo sciopero dei 621lavoratori del call center Almaviva di Palermo, tagliati fuori dal nuovo appalto che si è aggiudicato la Covisian.


© Riproduzione riservata