Esteri Cosa accade in Europa

Covid, spunta una nuova variante della Delta, un paese Ue torna in lockdown

Ma non c'è solo l’ipotesi di una ennesima mutazione dietro il boom di nuovi contagi in Gran Bretagna

Covid, spunta una nuova variante della Delta, un paese Ue torna in lockdown

 Londra - In Inghilterra c’è un aumento vertiginoso di infezioni da Covid e gli scienziati guardano ad una nuova variante della Delta, per farsene una ragione. L’insorgenza di una nuova mutazione  potrebbe spiegare anche la fatica che sta incontrando l’Italia e altri paesi europei a liberarsi una buona volta dal virus e sgombrare finalmente gli ospedali, nonostante la presunta immunità di gregge sia ormai raggiunta. Il nuovo ceppo della Delta, denominato AY 4.2, rappresenta circa l'8-9% degli attuali casi nel Regno Unito, dove tuttavia va ricordato che non esistono mascherine e green pass e, dunque, basterebbe già questo a spiegare il boom di nuovi contagi: oltre 40mila al giorno.

La nuova variante - riporta la Bbc citando gli esperti britannici - è presente da circa luglio, ma sta lentamente aumentando in prevalenza : non c'è una chiara indicazione che sia più trasmissibile, ma bisogna ancora capire se sia più potente e contagiosa della stessa Delta e se e quanto possa sfuggire alla copertura dei vaccini. Del resto ormai anche i sassi sanno che se il virus continua a girare, approfittando in particolare delle persone non protette dai sieri, continuerà anche a mutare.Intanto, per la prima volta da questa primavera, un paese Ue torna ufficialmente in lockdown: è la Lettonia dove negli ultimi giorni i contagi da Covid sono aumentati del 50% facendo aumentare la pressione dei ricoveri sugli ospedali.

Forse non farà notizia essendo un paese piccolo e lontano, ma il governo ha deciso di imporre il coprifuoco dalle 8 di sera e la chiusura 24h di negozi, ristoranti e scuole dal 21 ottobre almeno fino al 15 novembre. Anche qui va detto però che, al di là della presenza di una nuova variante, si tratta di uno stato dove soltanto il 54% della popolazione ha completato il ciclo, facendone il quarto paese peggiore per copertura vaccinale in Ue (dove la media è al 74%). “Mi scuso con tutti coloro che si sono già vaccinati - ha detto il premier lettone Krisjanis Karins, puntando il dito contro i no vax -. Il nostro sistema sanitario è in pericolo e l’unico modo per uscire da questa crisi è farsi vaccinare”.


© Riproduzione riservata