Attualità Letteratura

Montalbano e Lamanna s’incontrano nel racconto postumo di Camilleri

Il giornalista di Makari passa un caso al commissario, di cui è un fan: la novella “ibrida” dello scrittore empedoclino

https://immagini.ragusanews.com//immagini_articoli/06-10-2022/montalbano-e-lamanna-s-incontrano-nel-racconto-postumo-di-camilleri-500.jpg Montalbano e Lamanna s’incontrano nel racconto postumo di Camilleri

 Scicli – Dopo la morte di Andrea Camilleri, la Sellerio ha dato alle stampe quest’anno “La coscienza di Montalbano”, una raccolta di 6 racconti brevi, peraltro godibilissimi come i romanzi. Tra questi ce n’è uno – “La calza della Befana” – datato 2017, e si capisce che è uno degli ultimissimi. Il commissario è infatti famoso tra la gente e Livia è ormai solo un impiccio, a cui non si degna nemmeno di rispondere al telefono: un intralcio tra lui e gli arancini di Adelina, ormai unico e vero amore. In trasferta in un ristorante di cous cous fuori provincia incontra la cameriera Suleima, di cui s’invaghisce ma per poco: nel locale arriva infatti subito il fidanzato Saverio Lamanna, il giornalista nato dalla penna di Gaetano Savatteri protagonista di “Makari”, la fiction subentrata di fatto a Montalbano nella programmazione di Rai1.  

Lamanna si siede al tavolo del commissario, di cui è un ammiratore, per raccontargli che svolge un’attività simile alla sua: risolve tanti casi, che non ha tempo di stare appresso pure a quello di un certo commendator Rorò. Salvo Montalbano, che non ama parlare mentre mangia, non apre bocca ma gli getta solo uno sguardo torvo. Lamanna capisce l’antifona e se ne va, senza tornare più in scena. I due non conducono alcuna indagine insieme: la storia prosegue col commissario che “eredita” il caso del giornalista, scoprendo che un presunto ladro non era poi tale, ma non vogliamo svelare tutta la trama. Si tratta però di un curioso e inedito innesto di un personaggio di una saga in un’altra, reso possibile dalle diverse analogie tra i due protagonisti; una “citazione” che Camilleri, avendo intuito forse l’imminente cambio di guardia nel palinsesto televisivo, ha voluto regalare al collega siciliano d’adozione creando una sorta di ideale trait d’union tra due polizieschi. 


© Riproduzione riservata