Benessere Birra e dieta

Dieta della birra: dimagrire con la bionda

Dieta della birra: come fa dimagrire. Le proprietà salutari della birra anche per dimagrire

Dieta della birra: dimagrire con la bionda

La birra è la bevanda che tutti conosciamo, forse però non tutti sanno che esiste anche una dieta che ha come protagonista proprio questa bevanda. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, non è vero che la birra fa ingrassare e non è causa quindi della classica pancetta per gli uomini. Certo dipende dalle quantità, se esageriamo nel berla può farci aumentare di peso, ma questo vale anche per altre bevande. Insomma non è una bevanda molto calorica che va esclusa dai regimi dietetici dimagranti ed anzi può anche aiutarci a perdere qualche chilo. L'apporto calorico di questa bevanda è basso (45 kcal ogni 100 grammi). Possiamo berne ad esempio un bicchiere  da 25 cl a ogni pasto.

Birra: le proprietà benefiche
La birra è una bevanda dalle numerose proprietà benefiche. Il contenuto di fibre solubili aiuta a mantenere l'intestino in salute, buono anche l'apporto delle vitamine  B1, B6 e B9, acido folico e calcio. La presenza dell'orzo è utile per la digestione. Ma la birra ha anche una particolarità: contiene nicotinamide riboside, un precursore del Nad+, normalmente lo si trova nel latte. La nicotinamide riboside, stando agli studi che sono stati realizzati, si ritiene che abbia un ruolo importante nel metabolismo cellulare e quindi potrebbe prevenire alcune patologie associate all'età e addirittura favorire la longevità. La nicotinamide riboside avrebbe effetto anche nell'attivazione delle sirtuine, enzimi da cui deriverebbero i benefici dovuti alla restrizione calorica. Inoltre la birra grazie alla maltodestrina, non a caso contenuta in molti integratori, facilita il recupero dei sali minerali persi con l'attività fisica.

Dieta della birra: come fa dimagrire
Possiamo quindi sfruttare a nostro vantaggio le proprietà salutari della birra anche per dimagrire se la associamo agli alimenti giusti. La birra infatti possiede anche un effetto diuretico che aumenta se assumiamo alimenti che contengono acqua e fibre. Ad esempio possiamo abbinarla alle verdure condite con olio extra vergine di oliva e anche alla frutta, in questo modo andiamo a potenziarne l'effetto depurativo e anche l'assorbimento di sali minerali e vitamine. Possiamo abbinarla alla carne o al pesce, ai legumi. La si può gustare anche con i formaggi perché la presenza del luppolo pulisce la bocca dalle sensazioni pastose che lasciano questi alimenti. Insomma non solo possiamo consumare birra se stiamo seguendo una dieta dimagrante ma può anche esserci utile per raggiungere il dimagrimento, a patto sempre che si realizzi ovviamente un deficit calorico. Insomma non va a sostituire nessun alimento ma può far parte di un regime dietetico dimagrante. In questo senso è consigliabile scegliere quella analcolica.

Dieta della birra: esempio di menù
Potete iniziare la giornata con una colazione a base di yogurt, cereali integrali e frutta di stagione. A pranzo un'insalata di pollo e patate con una birra oppure del pesce crudo, ad esempio tartare e sushi. A cena del salmone alla griglia con verdure e l'immancabile bicchiere di birra.

L'abbinamento più comune, birra e pizza, invece è da evitare perché i lieviti della birra fermentano nello stomaco assieme alla pasta della pizza e quindi ci danno lo spiacevole effetto della pancia gonfia che rende più difficile la digestione e favorisce la formazione dei gas intestinali.


© Riproduzione riservata