Benessere Dieta e alimentazione

Carboidrati a dieta, a che ora mangiarli?

Gli esperti confermano che per non ingrassare sono questi gli orari in cui evitare i carboidrati

Dieta e carboidrati, a che ora mangiarli?

Gli esperti confermano che per non ingrassare sono questi gli orari in cui evitare i carboidrati
Chiunque tenti il primo approccio ad una qualsiasi dieta pensa che mangiare i carboidrati sia lo sbaglio più grande che si possa fare. Sbagliato. Una dieta corretta ed equilibrata prevede tutti i principali gruppi alimentari di proteine, grassi e carboidrati. Qualsiasi medico nutrizionista potrà confermarvi che una dieta sana è costituita da ogni tipo di sostanza nutritiva, anche dei grassi. Infatti, i carboidrati sono importantissimi nella dieta e al massimo vanno limitati. Mangiare negli orari giusti ci aiuterebbe a perdere peso o, almeno, a non ingrassare. Oltre a ciò che mangiamo, quindi, è importante anche quando consumiamo i nostri pasti quotidiani: colazione, pranzo e cena, dovrebbero seguire degli orari ben precisi. La cronobiologia, ovvero la scienza che studia i ritmi biologici, ha portato alla formulazione della cronodieta, una strategia alimentare basata sull'orario di assunzione dei cibi.
Questa strategia alimentare si basa sulle variazioni circadiane di diverse funzioni biologiche che a loro volta si basano sulle variazioni ormonali durante la giornata. Gli esperti ci informano che esistono degli orari durante la giornata in cui il consumo eccessivo di carboidrati è sconsigliato, per non rischiare di ingrassare. Scopriamo quando evitare i carboidrati durante la giornata per non ingrassare.

Gli esperti confermano che per non ingrassare sono questi gli orari in cui evitare i carboidrati
Chiunque si ritrovi per la prima volta a voler dimagrire rischia di commettere l’errore di eliminare i carboidrati dalla dieta. E questo è sbagliato perché una dieta sana deve comprendere tutti i macronutrienti, ovvero proteine, grassi e carboidrati. Eppure, esistono dei momenti migliori ed altri peggiori in cui consumare i carboidrati. In genere, si consiglia di mangiarli nei momenti in cui l’insulina è alta. Infatti, in questi momenti il corpo è più predisposto a gestire bene i carboidrati e a non convertirli in scorte, ovvero aumento di peso. Per cui, i momenti migliori sono al mattino e dopo ad un allenamento.
Più in generale, le funzioni del corpo rispondono meglio ai carboidrati in un momento della giornata in cui siamo più preparati a gestirli. Questo accade, di solito, durante la mattinata o dopo un allenamento. Naturalmente mangiare carboidrati in queste ore del giorno non autorizza a consumarne in quantità eccessive o lasciarsi andare ai "peccati di gola".
Per gli stessi motivi, consumare molti carboidrati la sera o comunque nel tardo pomeriggio è controproducente. In effetti, da un lato si hanno valori inferiori di insulina. Dall’altra, a meno che non si sia animali notturni, la sera si consumano poche energie e quindi i carboidrati non vengono bruciati ma accumulati. In conclusione, i carboidrati sono fondamentali nella dieta e si dovrebbero consumare prevalentemente al mattino e a pranzo, riducendo le quantità alla sera.

La qualità dei carboidrati conta per non ingrassare
Per cui, gli esperti confermano che per non ingrassare sono questi gli orari in cui evitare i carboidrati, ovvero alla sera e nel tardo pomeriggio. Logicamente, non è solo una questione di orari ma anche di qualità dei carboidrati ingeriti. Banalmente, è molto meglio mangiare della quinoa a cena che non delle ciambelle a colazione. Ecco perché è fondamentale mangiare sano ed equilibrato e prediligere carboidrati con un carico calorico basso. Per cui, se è vero che si consiglia di mangiare i carboidrati prevalentemente nella prima parte della giornata è importante valutarne anche la qualità per non ingrassare. La tipologia di carboidrati può variare di molto l'esito di una dieta, avendo un forte impatto anche sulle prestazioni fisiche e mentali.
Per chi vuole seguire una dieta sana ed equilibrata, consigliamo carboidrati dal carico calorico basso, come ad esempio: verdure a foglia verde, patate dolci, legumi e piccole porzioni di cereali integrali come riso, amaranto, quinoa, teff e grano biologico intero.

Se, poi, proprio non riuscite a resistere alle tentazioni cercate di concentrarle nelle ore del mattino o dopo un tonificante allenamento di fitness.


© Riproduzione riservata