Moda e Gossip Fabio Volo

Fabio Volo: «Con Johanna è finita ma non l’ho mai tradita»

Fabio Volo racconta per la prima volta in un'intervista di copertina a Vanity Fair la sua separazione e sottolinea che "bisogna lasciarsi per i figli"

https://immagini.ragusanews.com//immagini_articoli/30-11-2022/fabio-volo-con-johanna-e-finita-ma-non-l-ho-mai-tradita-500.jpg Fabio Volo: «Con Johanna è finita ma non l’ho mai tradita»

Fabio Volo all’anagrafe Fabio Luigi Bonetti, 50 anni, parla per la prima volta della sua separazione da Johanna Maggy, l'ex moglie la modella islandese Johanna Maggy Hauksdóttir, con cui ha vissuto una storia di dieci anni e con cui ha avuto due figli, Sebastian e Gabriel.
Lo fa con una lunga intervista a "Vanity Fair". Una storia finita due anni fa anche se la separazione non era mai stata ufficializzata. "Johanna e io non è che non ci amiamo più perché non stiamo più insieme: l’amore si è trasformato - dice Fabio Volo -. Fossimo rimasti insieme ci saremmo persi, invece così abbiamo il nostro spazio e un giorno, magari tra cinque anni, non escludo che potremo tornare insieme".

La separazione, racconta lo scrittore, non è scaturita da un suo tradimento, smentendo le voci su una sua presunta infedeltà verso la compagna. “Le sono sempre stato fedele. Non pensavo di lasciarmi, e che mi sarei trovato single. Quando è arrivato il momento “forse è meglio se ci lasciamo”, dei due ero quello più spaventato“.
Sposati dal 2011, due figli di nove e sette anni, erano mesi che circolavano le voci di una rottura. E ora Volo lo conferma, anche se tiene a precisare che «non ho mai tradito Johanna. Le sono sempre stato fedele».

«Non pensavo di lasciarmi, e che mi sarei trovato single – ha rivelato a Vanity Fair - Quando è arrivato il momento “forse è meglio se ci lasciamo”, dei due ero quello più spaventato. Johanna e io non è che non ci amiamo più perché non stiamo più insieme: l’amore si è trasformato. Se nella relazione le due persone non tirano fuori la parte migliore dell’altro, possono o restare insieme per poter dire che stanno insieme da cinquant’anni, come se fosse un premio, oppure dirsi “continuiamo ad amarci anche se non stiamo sotto lo stesso tetto”».
«I bambini stanno una settimana con me e una settimana con lei, durante quella settimana un giorno stanno con me e un giorno stanno con lei», ha concluso.


© Riproduzione riservata