Moda e Gossip Messina

Fausto Puglisi, è siciliano il direttore creativo di Roberto Cavalli

Fausto Puglisi, messinese classe 1976, si è trasferito a New York a soli 18 anni,inseguendo il suo sogno americano. Oggi vive a Milano ed è uno degli stilisti italiani più apprezzati nel mondo.



Messina - Fausto Puglisi, stilista messinese classe 1976, attualmente direttore creativo di Roberto Cavalli. La storia di Puglisi ha inizio a Messina, sua città natale, che abbandona dopo gli studi classici per seguire il sogno Americano. É il 1999 e, con il suo bagaglio fatto di tradizioni e cultura siciliana, Fausto arriva a New York. Pochi soldi in tasca ma tanta tenacia e passione. A New York incontra casualmente Patti Wilson, la stylist di Whitney Houston, che gli commissiona l’abito per i Grammy Awards. Ma è l’incontrò con Arianne Phillips, la mente dietro i look di Madonna, a cambiargli la vita. La stylist sceglie un cappotto nero bordato di pelo, il look fa il giro del mondo e i grandi department store iniziano a comprare le sue creazioni. 

Abbandonati gli Stati Uniti, Fausto Puglisi nel 2006 decide di tornare in Italia. Dopo aver conquistato le star americane, il suo obbiettivo è raggiungere il grande pubblico. Nel 2010 Dolce & Gabbana si accorgono del suo innato talento e lo selezionano per il progetto dedicato ai giovani stilisti, offrendogli la possibilità di presentare la sua collezione all’interno dello concept-store in Via della Spiga 2. La collezione è un successo, in poco tempo va sold-out. Anche Anna dello Russo, l’eccentrica creative editor di Vogue Japan, resta affascinata dai suoi abiti e le foto dei suoi look rimbalzano in rete.

Lo stile di Puglisi nasce dalla sua passione per l’arte greca, i richiami storici e il rigore dei tagli. Le linee e la precisione sartoriale, animate dai colori forti e dai contrasti audaci. Ama Halston, Gianni Versace e Dolce & Gabbana, creativi accomunati da una particolare concezione della sensualità, prorompente ma mai volgare. Nel 2013 l’esordio sulle passerelle milanesi.

Nel 2012 arriva la chiamata da Emanuel Ungaro. L’obbiettivo è quello di rilanciare la maison francese, l’esordio alla Paris fashion week avviene a marzo del 2013. Ungaro e Puglisi condividono la stessa idea di femminilità e di colore; lo stilista studia i codici della griffe e li fa rielabora in un ottica contemporanea proponendo uno stile geometrico e sexy. La collaborazione si chiude nel 2017, quando prenderà il suo posto Marco Colagrossi.

Nel 2020 una nuova opportunità, Fausto Puglisi viene scelto come direttore creativo di Roberto Cavalli, brand che viveva un periodo di stasi dopo la dipartita del fondatore che ha deciso di vendere il brand nel 2015. Un nuovo capitolo per la griffe che ha fatto della sensualità e delle stampe animalier il suo marchio di fabbrica. Sono onorato e orgoglioso di portare avanti l’eredità di questo straordinario marchio e soprattutto, di continuare a sostenere l’immagine di glamour e raffinatezza di Roberto Cavalli. Voglio sviluppare le mie idee di inclusione, bellezza e amplificare il dialogo tra culture, diversità ed estetica moltiplicata. Questa è un’opportunità unica per scrivere un nuovo capitolo nella storia di Cavalli, continuando a celebrare l’eredità dell’artigianato e dell’eccellenza italiana Il debutto nel febbraio del 2021, per una collezione che parte dal DNA del brand, con un focus sulle stampe e i colori della terra. A luglio dello stesso anno presenta il nuovo uomo Cavalli attraverso una campagna, ricca di richiami al mondo della Pop Art di Warhol, con protagonista Mike Tyson.

https://www.ragusanews.com/immagini_banner/1673517429-3-giap.png

Fausto Puglisi e il rapporto con la Sicilia

Nonostante il clamoroso successo che lo ha reso noto ormai in tutto il mondo, Fausto Puglisi non dimentica Messina e anzi ci tiene a ricordare sempre le sue origini: “Amo la mia città e odio chi la dimentica o la snobba, io sono fiero di essere messinese e non mi stancherò mai di ribadire l’importanza delle proprie radici. Per questo ho sempre portato e porterò sempre la Sicilia in tutte le mie collezioni”.


© Riproduzione riservata