Attualità Scicli

E' morto Claudio Scimone. I Solisti Veneti e Scicli in lutto. FOTO

Originario di Scicli, aveva 84 anni

  • https://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/06-09-2018/1536228856-1-morto-claudio-scimone-solisti-veneti-scicli-lutto.jpg&size=941x500c0
  • https://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/06-09-2018/1536228856-2-morto-claudio-scimone-solisti-veneti-scicli-lutto.jpg&size=576x500c0
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/06-09-2018/morto-claudio-scimone-solisti-veneti-scicli-lutto-100.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/06-09-2018/1536228856-1-morto-claudio-scimone-solisti-veneti-scicli-lutto.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/06-09-2018/1536228856-2-morto-claudio-scimone-solisti-veneti-scicli-lutto.jpg

Scicli - E' morto Claudio Scimone, fondatore e direttore dei Solisti Veneti. Il maestro era originario di Scicli. 

Nella notte tra il 5 e il 6 settembre è morto a Padova il fondatore e direttore dei Solisti Veneti dal 1959. Le condizioni del maestro, che avrebbe compiuto 84 anni il 23 dicembre, sono improvvisamente precipitate e che la morte si debba attribuire a delle complicazioni respiratorie, successive ad una rovinosa caduta estiva che gli aveva procurato la rottura di alcune costole.

L’ultimo concerto dei Solisti Veneti si era tenuto il domenica 2 settembre a Bressanone. I prossimo sarebbero dovuti essere quello del 14 settembre nella Chiesa di Santa Caterina a Padova e del 16 settembre a villa Pisani Bosetti di Bagnolo di Lonigo, Vicenza. Dopo aver studiato direzione d’orchestra con i maestri Dimitri Mitropoulos e Franco Ferrara, Scimone aveva raggiunto notorietà a livello internazionale dirigendo alcune orchestre sinfoniche, tra cui la London Philharmonia e la Royal Philharmonic Orchestra di Londra, oltre a Yomiuri Nippon Symphony Orchestra e la New Japan Philharmonic di Tokyo.

Nel 1959 aveva fondato a Padova l’orchestra da camera I Solisti Veneti, con la quale ha riportato allo splendore la musica del Settecento Veneto ma anche quel repertorio che va dal 1500 al 2017 con opere dedicate nel 2017 all’ensemble da Pino Donaggio, Alessandro Cadario e Nicola Campogrande. Con i suoi Solisti Veneti in carriera ha diretto oltre 6mila concerti in tutti i continenti del mondo, partecipando a importanti Festival Internazionali. Ha inciso oltre 350 titoli con le più importanti orchestre e con i più importanti interpreti come Sir James Galway, Salvatore Accardo, Uto Ughi, Cecilia Gasdia, Katia Ricciarelli, José Carreras e tanti altri.

 Claudio Scimone e Scicli

Claudio Scimone fa parte di una famiglia sciclitana importante, che ha dato grandi nomi alla Sicilia e all'Italia. Il più illustre è stato Claudio, che nel 2008 fu insignito del Premio Scicli dal sindaco Giovanni Venticinque. 

"Ho vissuto a Scicli molto più di quanto non crediate, e non solo nei mesi estivi, di villeggiatura a Donnalucata. Scicli è un cosmo, dove in nuce c'è il genio dell'arte. Gli sciclitani siamo artisti, si tratta di avere consapevolezza di ciò. C'è in questa città il germe della crescita intellettuale". Qui di seguito il suo Grazie Scicli

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1538400214-3-ecodep.gif

Il sindaco di Scicli Giannone: Morte Claudio Scimone un grave lutto

"Esprimo a nome della comunità di Scicli il cordoglio della città per la morte del maestro Claudio Scimone".
Il sindaco di Scicli, Enzo Giannone, appresa la notizia della scomparsa del fondatore dei Solisti Veneti, ha interpretato stamane il senso di tristezza che ha pervaso gli sciclitani per la morte dell'illustre figlio di Scicli.
Claudio Scimone ha sempre ricordato le proprie origini, e il legame con Scicli e Donnalucata, luogo in cui ha trascorso molte villeggiature, ed è stato la vetta più alta di una famiglia che a Scicli ha avuto sempre un ruolo decisivo in molte vicende storiche della città.
Dire Scimone a Scicli ha significato sempre dire illuminismo, cultura, progresso, nobiltà d'animo.
La scomparsa di Claudio rappresenta una perdita non colmabile nel mondo della cultura musicale italiana e mondiale.