Benessere Diete estive

Dieta: come difendersi dal caldo con l'alimentazione

Ci si può idratare bevendo acqua, ma anche tramite l'assunzione di frutta e verdura

La dieta anti-afa

Con l'estate curare l'alimentazione diventa ancora più importante. La dieta ci viene in aiuto perchè con quella corretta possiamo affrontare adeguatamente gli incovenienti che derivano dal caldo torrido. In questa stagione spesso capita che alla canicola si aggiunga anche l'umidità. Un binomio decisamente poco gradevole.

Ecco come reidratare il nostro organismo a tavola
La dieta anti-afa andrà a privilegiare alcuni alimenti in grado di reidratare l'organismo, che d'estate va incontro alla perdita di molti sali minerali a causa della sudorazione. La frutta e la verdura di stagione costituranno gli alimenti principali, in particolare sarà utile consumare albicocche, ma anche melone, anguria. Indicato anche il consumo banane e pesche. Si anche alle macedonie di frutta. I succhi di frutta, purché non contengono zuccheri aggiunti, vanno bene.

Le banane contengono molto potassio. Si tratta di un minerale molto importante e prezioso per la salute. In particolare è fondamentale sia per la salute cardiovascolare che per regolare l'equilibrio delle cellule.
Anche la pesca è un frutto caldamente, scusate il gioco di parole, per l'estate, in quanto è ricco di acqua da cui è costituito per più del 90%. Oltre che il potassio, ci fornisce anche un buon apporto di calcio e magnesio, tutti elementi che permettono di reintegrare sali minerali con l'alimentazione.
Tra gli ortaggi è da prediligere la zucchina costituita per oltre il 94% di acqua. Ed è anche un alimento ipocalorico considerando che contiene 11 kcal per 100 grammi. Ed è molto indicata quindi per reidratare liquidi e per perdere qualche chili di troppo.

Anche il miglio sa il fatto suo. Tra i cereali è quello tra i più ricchi in termini di sali minerali: vi abbondano in particolare fosforo, magnesio potassio, manganese, zinco, sodio, selenio e ferro.
Un ruolo importante, spesso trascurato, lo gioca anche l'idratazione. E' fondamentale bere non meno di due litri al giorno nei giorni in cui l'afa è maggiore. Ciò può avvenire sia tramite l'acqua, ma anche tramite l'assunzione di frutta e verdura.

I pomodori contengono il licopene, un potente antiossidante in grado di contrastare l'invecchiamento cellulare. Oltre a ciò è un alimento idratante in quanto presenta un alto contenuto di acqua.
Invece è da limitare il consumo di carne che potrà sostituirsi col pesce. Soprattutto è preferibile non scegliere cibi piccanti, ricchi di sale o di spezie quali pepe, curry e paprika. Inoltre sono da evitare anche le bevande alcoliche e le bibite zuccherate. Le prime sono causa di sudorazione per cui disidratano l'organismo e diminuiscono l'assorbimento delle vitamine. Da limitare invece il consumo delle bevande gassate, zuccherate, soprattutto se troppo fredde. Da diminuire anche il consumo caffè e tè perchè sono eccitanti e aumentano la diuresi provocando distratazione.


© Riproduzione riservata