Cultura Libro

Nadia Terranova: Come una storia d'amore

Dieci fotografie, dieci spaccati di umanità

Roma e il suo monastero laico. Via della Devozione, il Pigneto, la Prenestina, il Ghetto Ebraico, dieci racconti di una vita che appare claustrale. C'è Gesualdo Bufalino e Giovanni Verga in Come una storia d'amore, di Nadia Terranova (Messina, 1978), edito da Perrone. 

I racconti di Nadia Terranova parlano di solitudine e di ricerca della felicità, ricerca le cui strade sono ingarbugliate come le strade di Roma. Ad affiorare sulla superficie di ciò che è consueto, nei racconti di Terranova, c’è sempre l’ombra di un nuovo inizio o di un inizio possibile, brutale e struggente. La città è lì, sullo sfondo. 

A qualsiasi latitudine, in ogni città, succede che senza un legame che la tenga insieme, se non quello di occupare lo stesso pezzo di mondo nel medesimo lasso di tempo, la gente va, viene, si stipa, si allontana. Quante volte, per strada, restiamo impigliati nel sudore di braccia sconosciute, che non ci sfioreranno più? Quando accade, certo non stiamo a chiederci a chi appartenga quel corpo o quale storia porti con sé. Non ci interessa, non abbiamo tempo né spazio per altri dolori e gioie che somigliano ai nostri e che sono diversi. Ma immaginiamo...


© Riproduzione riservata