Attualità La previsione

Covid, Sicilia in zona gialla a gennaio

E’ il destino di oltre metà delle regioni italiane

https://immagini.ragusanews.com//immagini_articoli/23-12-2021/covid-sicilia-in-zona-gialla-a-gennaio-500.jpg E’ il destino di oltre metà delle regioni italiane

 Ragusa - Il destino è segnato: dopo aver da tempo sforato il limite dei 50 nuovi positivi settimanali per 100mila abitanti, arrivando a quasi a 200, la Sicilia ha superato ieri anche la soglia del 15% di occupazione di posti letto nei reparti Covid ordinari. Non è servito aumentarli, togliendoli agli altri malati. La catena del contagio è come una palla di neve: se non si frappongono barriere, una volta che si stacca dalla cima è destinata a ingrossarsi sempre più diventando un macigno man mano che ne raccoglie altra scivolando a valle. Il nostro pronostico del 10 novembre scorso, ribadito il 9 dicembre è salvo: la Sicilia riuscirà ad evitare d'un soffio la zona gialla entro Capodanno, ma solo grazie alle terapie intensive.

Le rianimazioni sono arrivate a sfiorare, infatti, il 9% di occupazione contro il tetto del 10%: un unico punto percentuale ci separa dal giallo ma se continuerà il trend di questi giorni, il cambio di colore è inevitabile e scatterà molto probabilmente da lunedì 3 gennaio. Nel Paese sono già 7 le regioni in giallo e altre 5 rischiano di finirci da lunedì 27 dicembre, dopo Santo Stefano. Intanto in 11 comuni siciliani il Natale è già blindato in zona arancione. Anche per chi resiste in bianco, però, ci penserà il nuovo decreto del governo atteso oggi a limitare comunque folle e assembramenti in via precauzionale e, tra green pass rafforzati e tamponi obbligatori, a riportare tutti in una zona gialla di fatto nei giorni clou delle feste.


© Riproduzione riservata