Attualità Lavoro

Sicilia, 1024 posti pubblici: c’è solo un quiz, tempi e modi del concorso

A fine anno il bando, a primavera la prova scritta, in estate l’assunzione

https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/06-12-2021/sicilia-1024-posti-pubblici-c-e-solo-un-quiz-tempi-e-modi-del-concorso-500.jpg Sicilia, 1024 posti pubblici: c’è solo un quiz, tempi e modi del concorso

 Palermo - Rinviato più volte causa Covid e decurtato nel frattempo di circa 300 di posti di lavoro, il prossimo 29 dicembre sarà finalmente pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il bando per 1.024 assunzioni nei Centri per l’impiego siciliani. Da quel momento si avranno 30 giorni di tempo per inviare la domanda, pagando la tassa d’iscrizione di 10 euro. A inizio febbraio si saprà il numero dei partecipanti, se ne prevedono almeno 100mila. Salvo ulteriori imprevisti, fra marzo e aprile dovrebbe tenersi la prova scritta, a giugno l’uscita della graduatoria ed entro la fine dell’estate la firma del contratto e l’immissione in servizio.

Sono due le categorie di impiegati cercati: 537 in categoria alta (D) e 487 media (C). Le 537 figure della categoria D sono divise in: 119 specialisti amministrativi contabili, 344 specialisti del mercato e di servizi del lavoro, 37 specialisti informatici e statistici e 37 analisti del mercato del lavoro. Il requisito minimo è una laurea in: Scienze politiche, dell’economia, delle pubbliche amministrazioni, economico aziendali, Servizio e politiche sociali, Programmazione e gestione dei servizi sociali, Giurisprudenza, Sociologia, Scienza dell’educazione degli adulti e della formazione continua, Psicologia, Scienze pedagogiche, Informatica, Ingegneria informatica, Matematica, Scienze statistiche e Sociologia.

Le 487 figure della categoria C sono divise in 176 istruttori amministrativi contabili e 311 operatori del mercato del lavoro. Qui il requisito minimo è il diploma di scuola superiore. Entrambe le categorie non contemplano limiti d’età e, secondo le nuove modalità del decreto Brunetta, prevedono una sola prova scritta, un quiz, e nessuna prova orale: sarà sostituita dalla valutazione dei titoli di servizio. Saranno inseriti tra Centri per l’Impiego e uffici regionali, distribuiti sul territorio dell’Isola per rafforzare l’ingolfata macchina amministrativa regionale e riorganizzare i servizi per il lavoro.


© Riproduzione riservata