Cronaca Genova

Genova, morta insegnante di 32 anni vaccinata con AstraZeneca

La donna era stata vaccinata il 22 marzo

Genova, morta insegnante di 32 anni vaccinata con AstraZeneca

Genova - Non ce l'ha fatta l'insegnante di 32 anni colpita da emorragia cerebrale. La donna era stata vaccinata il 22 marzo con AstraZeneca. Sabato l'ospedale San Martino aveva segnalato il caso "di quadro trombotico ed emorragico cerebrale riferito a una insegnante di 32 anni vaccinata il 22 marzo presso la Asl di residenza in Liguria con AstraZeneca e con esordio sintomatologico dal 2 aprile".

La donna era stata ricoverata sabato e l'ospedale ha fatto sapere che "è iniziata alle 9:44 (di domenica) l'osservazione di sei ore per la conferma di stato di morte cerebrale per la paziente, che era ricoverata presso la nostra Rianimazione". La direzione del Policlinico ha attivato le previste segnalazione nell'ambito delle procedure di farmacovigilanza verso Aifa.

Sileri: "Presto per parlare di causa-effetto" - "E' presto - chiarisce il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri - per dire che a Genova ci sia un nesso causa-effetto. Dobbiamo affidarci alla farmacovigilanza per avere una base scientifica. Si tratta di una donna giovane e questa complicanza della trombosi, nei rari casi in cui si è manifestata, è stata notata soprattutto nel genere femminile e in una fascia d'età bassa".

"L'Ema dovrà pronunciarsi di nuovo" - Quanto a un eventuale intervento dell'Ema, il viceministro aggiunge: "L'Ema credo dovrà pronunciarsi nuovamente per introdurre un limite d'età, non per bloccare o sospendere la somministrazione. Individuata la fascia d'età di cui parlavamo prima, con un rischio maggiore di trombosi, si mette un limite per la somministrazione o un'avvertenza che preveda un monitoraggio di chi viene vaccinato. E' una complicanza che una volta riconosciuta in tempo è facilmente trattabile".


© Riproduzione riservata