Benessere Dieta e benessere

Dieta del melone: menù settimanale per perdere 5 kg con gusto

La dieta del melone, uno dei frutti dell’estate, dai mille benefici, combatte la cellulite e permette di perdere 5 kg in poco tempo.

https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/10-05-2022/dieta-del-melone-menu-settimanale-per-perdere-5-kg-con-gusto-500.jpg Dieta del melone: menù settimanale per perdere 5 kg con gusto

La dieta del melone con il menù settimanale che Vi proponiamo consente di perdere ben 5 kg depurando l’organismo e combattendo l’odiosa cellulite ma con gusto.
Il melone è per eccellenza uno dei frutti dell’estate, allora perché non sfruttarlo per tornare in forma in vista delle prova costume? Questo alimento infatti è ricco di proprietà che favoriscono un dimagrimento veloce e senza sforzi.
Il melone è l’alimento ideale per una dieta ipocalorica perché contiene molta acqua e solo 34 calorie ogni 100 grammi. La dieta del melone, permette di perdere peso senza troppi sacrifici, con gusto e freschezza. In pochi giorni si bruciano grassi e si riaccende il metabolismo. Inoltre è importante abbinare questo frutto ad altri cibi, in modo da rendere l’alimentazione il più completa possibile. Ecco cosa c’è da sapere su questa dieta e il menù settimanale.

Dieta del melone: menù settimanale per perdere 5 kg con gusto
La dieta del melone: i benefici
Le innumerevoli proprietà del melone consentono al corpo di idratarsi e rimanere tale grazie alla sua ricchezza di acqua: un valido aiuto per l’abbronzatura, ricco di antiossidanti, di vitamine A e C e di sali minerali come potassio e fosforo. Una fettina di questo frutto induce sazietà, combatte la ritenzione idrica e l’effetto buccia d’arancia.
Inoltre è un potente antiossidante e ha moltissimi flavonoidi, che combattono i radicali liberi e controllano la pressione del sangue e la frequenza cardiaca. Ma come funzione nel pratico questa dieta?
Dieta del melone: menù settimanale per perdere 5 kg con gusto
schema e menù settimanale
La dieta del melone prevede un menù settimanale schematico e ben strutturato, da ripetere per quattro settimane per avere risultati. La colazione e gli spuntini sono gli unici a rimanere fissi: frullato di melone e anguria accompagnate da 2 fette biscottate integrali per colazione, e yogurt magro come spuntino. Ecco come procedere per gli altri pasti.
Lunedì
Pranzo: toast al prosciutto cotto e fontina; gelato di melone (2 palline).
Cena: spaghetti con pomodorini; tagliata all’origano; insalata verde mista; sorbetto di melone e anguria, con succo di limone e mezzo cucchiaio di vaniglia in polvere.
Martedì
Pranzo: prosciutto e melone; spremuta di pompelmo.
Cena: gnocchi al pomodoro e basilico; fiocchi di latte; insalata di pomodori; macedonia di melone e banane.
Mercoledì
Pranzo: pizza alle verdure; melone.
Cena: bucatini ai peperoni; nasello in umido, con pomodorini, olive e capperi; insalata verde con i cipollotti; gelato di pesca e melone (2 palline).

Giovedì
Pranzo: carpaccio di bresaola; macedonia di frutta con melone.
Cena: pasta con la ricotta; frittata di spinaci e parmigiano; insalata di finocchi; macedonia di melone e prugne.
– Venerdì
Pranzo: insalata caprese; frullato di melone e fragole.
Cena: spaghetti con le vongole; melone con i gamberetti, con succo di limone; insalata verde; dadini di melone al vino bianco.
– Sabato
Pranzo: omelette al prosciutto; insalata mista; con di gelato, gusti crema e frutta (2 palline). Cena: risotto allo zafferano; petto di pollo al limone e prezzemolo; insalata di zucchine; melone al limone.
– Domenica
Pranzo: insalata di melone e grana; sorbetto di melone e anguria.
Cena: pizza margherita; insalata di lattuga e pomodori; 2 palline di gelato al melone; un bicchiere di birra.

Una fetta di melone è ricca di nutrienti fondamentali, come sali minerali e vitamine, ma ha pochissimi grassi. Non solo: essendo composto da acqua per il 90%, questo frutto induce sazietà e combatte la ritenzione idrica e il fastidioso effetto buccia d’arancia.
In ogni caso prima di iniziare la dieta sempre meglio consultare il proprio medico curante per capire se il regime alimentare è compatibile con lo stato di salute.


© Riproduzione riservata