Economia Alberghi e resort

Sicilia, la guerra degli hotel extra lusso FOTO

Anche il gruppo Palladium esporta il brand sull’Isola, con due proprietà 5 stelle

 Ragusa - Sicilia terra di conquista dei gruppi alberghieri internazionali, che stanno trasformando l’Isola in meta di un turismo sempre più esclusivo e selezionato all’entrata. Rocco Forte s’è accaparrato la costa agrigentina con le sue ville da 2mila euro a notte, riaprono gli hotel Belmond di Taormina, a Mazara Blu Hotels rilancia il "Giardino di Costanza" confiscato alla mafia nel 2012, e nel weekend Palladium Group (48 hotel e più di 14mila camere in sei Paesi) ha inaugurato due strutture a Campofelice Roccella, grazie a una joint venture con Azora. Si tratta di un resort di 10 ettari (nelle foto) composto da due hotel con 469 camere.

Lo scopo è duplice: mantenere il posizionamento negli hotel di lusso nel Mediterraneo, e insidiare le sponde palermitane al polo Club Med di Cefalù. Ma a Campofelice i prezzi sono decisamente più abbordabili: qui una stanza doppia si aggira “solo” sui 300-400 euro a notte, ma con formula all-inclusive. Più o meno quanto all’Hotel delle Palme, e della belle epoque, che riapre a Palermo dopo due anni di restauri (e il primo a prenotare è stato un facoltoso americano). Le aziende locali, se non trovano più spazio nella regione, vanno in altre: il gruppo siciliano Bulgarella si è appena aggiudicato l’ex colonia estiva Olivetti a Sarzana, nello spezzino: la trasformerà in un altro complesso stellato. E il mercato delle case al mare private non è da meno.


© Riproduzione riservata